Juventus

Allegri: "Finale di Coppa Italia era un obiettivo. Vlahovic? Mi fate ridere"

Andrea Gigante
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / MARCO BERTORELLO/GettyImages
facebooktwitterreddit

Grazie alle reti di Bernardeschi e Danilo, la Juventus batte la Fiorentina e si guadagna l'accesso alla finale di Coppa Italia. Al termine della partita Massimiliano Allegri è stato intercettato dai giornalisti Mediaset che gli hanno chiesto un commento a caldo sulla prestazione dei suoi. Ecco cosa ha dichiarato il tecnico dei bianconeri.

Sul centrocampo:
"Rabiot, Danilo e Zakaria hanno fatto una partita molto fisica ma anche tecnica. Rabiot ha fatto anche un buon inserimento sul gol e sta crescendo. C'è da fare i complimenti ai ragazzi. Arrivare a Roma con l'Inter era un obiettivo ma non era facile. Venivamo da un periodo di tante critiche, anche se con il Bologna avevamo creato diverse occasioni da gol non sfruttate. Stasera non era facile, la Fiorentina ti crea grossi pericoli, ma siamo stati bravi nella fase difensiva. Nel primo tempo dovevamo fare il secondo gol ma abbiamo sbagliato alcune scelte".

Solidità difensiva e gol ritrovati:
"Il calcio è questo. La cosa più bella è che abbiamo vinto da squadra: sia chi ha giocato dall'inizio sia chi è subentrato ha dato tutto. L'obiettivo di tutti era di arrivare in finale. Bisogna mettere da parte la Coppa Italia e lavorare in campionato. Bisogna recuperare le energie...a un certo punto mi sono girato in panchina e ho chiamato uno che era in borghese. A questi ragazzi non posso chiedere di più perché ci stanno mettendo il cuore".

Fiorentina rivale per il quarto posto?
"Credo che da calendario sia la prima avversaria per il quarto posto".

L'anno prossimo sarai ancora in panchina?
"Anche per i prossimi tre. Detto questo, alla Juve devi lottare sempre per vincere. La cosa che mi dispiace di più è aver perso lo scontro diretto con l'Inter perché ci siamo giocati il campionato".

Sulle polemiche:
"Sono anche divertenti. Lapo è uno dei primi tifosi della Juventus, ci sentiamo spesso. È normale che quando non vinciamo non siamo contenti, io sono il primo. Non lottare per il titolo mi fa girare abbastanza. L'anno prossimo dobbiamo farci trovare pronti sulla griglia di partenza. Questo però fa parte del calcio, non si può sempre vincere. La Juventus ha fatto 18 risultati utili consecutivi, purtroppo con il Bologna non siamo riusciti a vincere creando diverse occasioni da gol. Stasera siamo tornati a fare una bella fase difensiva".

Su Vlahovic:
"Si è dato da fare. È arrivato alla Juventus da tre mesi, ora ha un calo fisico ma è normale. Prima andava sempre forte, ora deve giocare una partita ogni tre giorni. Deve stare sereno: è forte, ma ha 22 anni e gli manca esperienza. Gli serve equilibrio mentale ma alla maturità ci arriverà col tempo. A livello di prestazione mi fate ridere: perché cambiate versione ogni giorno".


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit