Juventus

Allegri e le critiche al mercato della Juve: per lui Locatelli è una riserva

Stefano Bertocchi
Manuel Locatelli
Manuel Locatelli / ANP/GettyImages
facebooktwitterreddit

Manuel Locatelli viene visto da Massimiliano Allegri come una riserva. Questo uno dei concetti venuti fuori dalla chiacchierata del tecnico della Juventus con Mario Sconcerti sulle colonne del Corriere della Sera: "La Juve era stata pensata in un altro modo: Con Rabiot-Paredes-Pogba a centrocampo più Locatelli a fare il primo che subentra" recita uno dei discussi passaggi.

Manuel Locatelli
Manuel Locatelli / Gabriele Maltinti/GettyImages

Una dichiarazione che genera stupore, specie se si pensa che il giocatore è arrivato dal Sassuolo in seguito ad una lunga trattativa ed è costato nel complesso poco meno di 40 milioni di euro dopo essere stato una colonna della mediana della squadra dell'allora tecnico neroverde De Zerbi. Per poi esserlo anche della Nazionale campione d'Europa.

Nella testa di Allegri, quindi, Locatelli dovrebbe stare in panchina con in campo un titolare come Rabiot, messo sul mercato in estate e poi rimasto a Torino per le alte richieste di mamma Veronique. "C'è qualcosa che non va in casa Juve e da non oggi - sostiene Calciomercato.com nella sua analisi -: se gli alibi individuati da Allegri per motivare le difficoltà palesate in campo dalla squadra nelle ultime uscite possono trovare d'accordo anche le più alte sfere societarie - anche di chi probabilmente non condivide la scelta del presidente Agnelli di fare quadrato -esprimere giudizi così tranchant e indirettamente poco lusinghieri sulle strategie di mercato potrebbe avere un effetto ben diverso", si legge.

facebooktwitterreddit