Juventus

Allegri: "Domani non sarà semplice. Perin gioca e Paredes e Kean sono recuperati"

Simone Catanzaro
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Marco Canoniero/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dopo il grande successo della Juventus nell'ultimo match contro l'Inter, Massimiliani Allegri ha ha parlato alla vigilia della sfida di Verona contro l'Hellas.

Sulla vittoria con l'Inter: "La vittoria ha lasciato il fatto che abbiamo passato una serata di felictià e gioia, ma abbiamo subito chiuso il capitolo. È una squadra fisica che aggredisce e domani non sarà una partita semplice. Non meritano la classica che hanno. Starà a noi giocare una partita al loro livello".

Su Perin titolare: "Domani Perin gioca, perché Sczesny ha giocato 12 gare di fila. Recuperati di sicuro Paredes e Kean. Di Maria ha più mezzora che 90' nelle gambe, lo valuterò. Vlahovic, McKennie e Chiesa sono da valutare".

Sulle condizioni dei calciatori:

Su Danilo vice capitano a livello gerarchico: “Ho parlato con Cuadrado l’altra sera che come gerarchie viene dopo Bonucci. Ultimamente si innervosiva un po’ troppo, sentiva troppa responsabilità. Parlandoci gli ho detto che era meglio che Danilo facesse il capitano. Quando gioca il capitano è Bonucci”.

Sulle Vlahovic, Chiesa e gli altri: "Quelli recuperati sicuramente sono Paredes e Kean, non so se giocheranno titolari. Di Maria deve mettere minuti nelle gambe, poi Vlahovic, McKennie e Chiesa devono essere valutati. Vlahovic? Semplice, soffre di questa infiammazione tendinea o pubalgica, ieri ha provato. Se è a disposizione, giocherà. Altrimenti si curerà e vedremo più avanti. Chiesa? Finché il ginocchio non trova equilibrio, è normale avere un po' di fastidio dopo aver fatto le partite, fa parte del percorso rieducativo".

Su una possibile rimonta in campionato: "Il Napoli sta facendo una grande campionato, se continua così nessuno può puntare a vincere il campionato".

Sulle condizioni di Milik: "E' in ottima condizione, come tutti gli attaccanti ci sono momenti in cui segna e altri no. Sono soddisfatto di lui".

Sulla sosta: "Lavoreremo fino al 18 con i tre giocatori che rimarranno. Ci fermeremo poi fino al 6 quando ripartiremo con delle amichevoli fino al 22-23. Poi riprenderemo dopo Natale".

Su Fagioli: "Sta facendo bene, ma lasciamolo sereno. Ci saranno momenti in cui avrà bisogno di recuperare, ora sta facendo bene e domani potrebbe giocare".

facebooktwitterreddit