Giorni importanti per la Uefa che, dopo la decisione di far slittare gli Europei, nel corso delle prossime settimane ​dovrà prendere altre decisioni importanti per salvaguardare il futuro del calcio d'Europa. La possibilità che i campionati ripartano e si concludano resta sul tavolo, ma a partire da maggio, e le società iniziano, lentamente, ad andare in crisi economica. Per far fronte a ciò, secondo la Gazzetta dello Sport, a Nyon si sta iniziando a parlare di deroghe ul Fair-Play Finanziario.


A Nyon sono nate due commissioni per esaminare i provvedimenti da prendere in questo delicato momento per tutto il calcio europeo e superare l'emergenza coronavirus. All’ordine del giorno ci sono le problematiche economiche e finanziarie e tra queste sarà trattato, ovviamente, anche il tema del Fair-Play Finanziario. Uno strumento che ha permesso di minimizzare il deficit complessivo del calcio europeo, ma che ora potrebbe risultare troppo pesante per i bilanci di numerosi, se non tutti, i club. 


Perfino la Commissione Europea nei giorni scorsi ha annunciato la sospensione del famigerato Patto di Stabilità, ovvero il tetto all’indebitamento degli Stati dell'Eurozona e un provvedimento simile potrebbe essere preso anche per il Fair Play Uefa. Di fatto l’Uefa potrebbe aiutare le società calcistiche, non tenendo conto dei rossi di bilancio che stanno maturando negli esercizi in corso per il coronavirus. Si potrebbe scorporare alcune delle voci dal computo oppure si potrebbe aumentare il limite del rosso che oggi è fissato a 30 milioni nell’arco degli ultimi 3 anni. E tale mossa sarebbe soltanto un accorgimento tecnico per evitare un poco auspicabile boom di procedure di infrazione. In ​Serie A Inter, Juve, Milan e Roma su tutte osservano interessate.


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!