L'ex medico della nazionale italiana Enrico Castellacci è stato intercettato dai microfoni dell'ANSA in merito all'emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus, che ha peraltro paralizzato la Serie A.​


Il professore ha dichiarato: "Il problema è abbastanza complesso. Bisogna innanzitutto considerare quali sono le nostre priorità in questo momento: di certo, non il calcio, ma tenere sotto controllo il Coronavirus. Se questa epidemia dovesse aumentare a macchia di leopardo, come chiudono gli stadi del Nord chiudono gli stadi del Sud".

Enrico Castellacci

Tra le possibilità, anche la sospensione del campionato: "È un'ipotesi plausibile, non certo un mio suggerimento. Anche giocare a porte chiuse, per due o tre partite, va bene, ma ricordiamoci che, quando si spostano le squadre, si spostano comitive di 30-40 persone. Può avere un senso giocare a porte chiuse se questa forma influenzale resta limitata a dov'è adesso, ma credo ci sarà uno sviluppo e altre regioni verranno interessate".


"Fermare il campionato non è un'eresia. Siccome tutti parlano dei recuperi, degli ingorghi delle partite, in questo momento la priorità in Italia non è il calcio. La priorità è un'altra. Le cose che possono sembrare fantascientifiche diventano realtà".


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!