Premier League

Scontro tra Abramovich e il Governo inglese: cessione del Chelsea a rischio

Alessio Eremita
Roman Abramovich
Roman Abramovich / BEN STANSALL/GettyImages
facebooktwitterreddit

La trattativa per la cessione del Chelsea al consorzio di Todd Boehly è nuovamente in fase di stallo a causa di frizioni tra Roman Abramovich e il Governo inglese sui termini dell'accordo: l'operazione avrebbe dovuto concludersi sulla base di 4,25 miliardi di sterline tra vendita delle quote e investimenti nel club. Come riportato da Sky News, i funzionari governativi temono che la licenza speciale per la cessione dei Blues non sarà rilasciata entro la fine del mese. Il Governo, infatti, non ha ancora ricevuto rassicurazioni sulla destinazione dei proventi della vendita. E senza un accordo prima delle scadenze, il Chelsea rischia di essere escluso dalle competizioni europee per la stagione 2022/23.

Chelsea Women v Manchester City Women - Vitality Women's FA Cup Final
Chelsea / Bryn Lennon/GettyImages

D'altro canto, l'obiettivo di Abramovich è quello di rinunciare al credito di 1,5 miliardi di sterline che vanta nei confronti del club inglese. Il patron russo vorrebbe inoltre istituire una fondazione a sfondo benefico in favore delle vittime della guerra in Ucraina. Tutto dipenderà dall'approvazione della Premier League e dal rilascio della licenza del Governo, fattori determinanti e attualmente in dubbio nei tempi previsti per la cessione della società.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit