Quale futuro per lo stadio Flaminio? Ultimatum del Comune a Lotito

Alessio Eremita
Claudio Lotito
Claudio Lotito / Marco Rosi/GettyImages
facebooktwitterreddit

La riqualificazione dello stadio Flaminio rappresenta un obiettivo concreto per Claudio Lotito. Il presidente della Lazio vorrebbe rendere l'impianto sportivo capitolino la nuova casa dei biancocelesti nel corso dei prossimi anni. I tempi, tuttavia, stringono e il Comune di Roma avrebbe dato un ultimatum al patron: come riportato dall'edizione odierna del Corriere dello Sport, il piano dovrà essere presentato entro la fine del 2022 per poter proseguire nel progetto. Lotito ha a disposizione soltanto poche settimane per formalizzare il documento e iscriversi in via ufficiale alla corsa per il restyling del Flaminio.

Claudio Lotito
Claudio Lotito / Marco Rosi - SS Lazio/GettyImages

In attesa del consenso del Ministero della Cultura (che appoggiò la ristrutturazione del Franchi di Firenze), Lotito sembra avere le idee chiare sulle modifiche da attuale all'impianto. Soprattutto per la copertura e l'ampliamento dei posti a sedere: stando alle previsioni, è possibile che si arrivi a 45mila spettatori, rispettando così i parametri UEFA per le competizioni europee. L'ultimatum non può che agevolare la situazione: Lotito ha tutto pronto e il Flaminio aspetta soltanto di essere riportato in vita.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit