L'Olanda riapre gli stadi. Ma i tifosi non potranno urlare né fare cori

AFC Ajax v Getafe CF - UEFA Europa League Round of 32: Second Leg
DeFodi Images/Getty Images

L'Eredivisie si prepara per la prossima stagione, che dovrebbe ricominciare il prossimo 12 settembre, dopo la sospensione definitiva del campionato 2019/20 a causa dell'emergenza Coronavirus.

Il ritorno in campo delle squadre potrebbe essere accompagnato dalla presenza dei tifosi sugli spalti, i quali occuperebbero un terzo della capienza totale dei rispettivi stadi per assicurare il rispetto del distanziamento sociale.

Dutch Toto KNVB Cup"FC Utrecht v Ajax Amsterdam"
ANP Sport/Getty Images

La novità introdotta dal premier olandese Mark Rutte, però, non farà piacere ai più: "Se negli stadi si canta, allora è semplice: poi si richiudono. Se urli o canti rumorosamente, le possibilità di diffusione del virus sono molto alte. So che sembra terribile, ma tutte le ricerche dimostrano che in situazioni come questa il virus si trasmette rapidamente".

Seduti o in piedi, ma senza gridare né intonare cori. È questa la regola per poter assistere dal vivo alle partite della propria squadra del cuore. E chissà se l'esempio dell'Olanda verrà ripreso anche da altre federazioni.

Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!