Nasce la nuova Superlega: due gironi con retrocessioni e promozioni

Alessio Eremita
Florentino Perez
Florentino Perez / Soccrates Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

Il progetto della Superlega va avanti. In attesa della decisione della Corte di Giustizia Europea in merito alla diatriba con la UEFA, i tre club fondatori della competizione (Real Madrid, Barcellona e Juventus) stanno ultimando i dettagli di quella che potrebbe essere la rivale numero uno di Champions League e Premier League. Il campionato inglese è un nemico da contrastare, in modo da ridurre il gap economico tra le squadre britanniche e le altre big d'Europa. A fornire alcuni dettagli sul format della Superlega è l'edizione odierna di Tuttosport.

FBL-ESP-DISCRIMINATION-RIGHTS-CAMPAIGN
Florentino Perez, Andrea Agnelli / GERARD JULIEN/GettyImages

Il nuovo modello prevede due gironi da 14-16 squadre con playoff che decreteranno la squadra vincitrice e playout che determineranno le società retrocesse. Si assisterebbe a partite di alto livello durante ogni settimana dell'anno. Un modo per tenere alta la competitività della competizione e garantire maggiori introiti (anche televisivi) ai club partecipanti. Senza escludere a priori le squadre meno blasonate, che avrebbero la possibilità di accedere alla Superlega grazie al piazzamento nei rispettivi campionati nazionali.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit