Nazionale

Mancini: "Servono più giovani in Serie A. Insigne? Può dare tanto alla Nazionale"

Alessio Eremita
Roberto Mancini
Roberto Mancini / Claudio Villa/GettyImages
facebooktwitterreddit

Roberto Mancini è stato insignito del Premio Speciale della Giuria durante la XVIII edizione del Premio Prisco, organizzata a Chieti. Il commissario tecnico della Nazionale ha parlato del futuro azzurro dopo la cocente esclusione dai Mondiali del 2022 in Qatar: "L'importante quando le cose non sono andate bene è rialzarsi. Avremo delle partite in estate e poi la Nations League per ripartire. Nel campionato ci sono diversi giovani interessanti ma ce ne vorrebbero di più".

Giovanni Di Lorenzo, Lorenzo Insigne, Giorgio Chiellini
Giovanni Di Lorenzo, Lorenzo Insigne, Giorgio Chiellini / Mike Hewitt/GettyImages

Mancini si è poi soffermato sugli addii alla Serie A di Lorenzo Insigne e Giorgio Chiellini, che dalla prossima stagione calcheranno i campi della Major League Soccer: "Chiellini? È un dispiacere per tutti perché è stato un grande calciatore della nazionale e della Juve. Purtroppo il tempo passa per tutti. Lui ha preso questa decisione ma lasciare dopo aver vinto l'Europeo in una gara come quella di Wembley è comunque importante. Insigne? Andrà a fare una esperienza comunque importante. Ha dato tanto alla Nazionale e spero che lo possa fare ancora".


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit