​Le linee guida del progetto del Milan del futuro sono tracciate: si investirà su giocatori giovani, di talento e con grandi prospettive future, come Ismael Bennacer e Theo Hernandez. Ma in un momento di crisi generale dovuto alla pandemia Covid-19 e che costringe alla massima attenzione anche in ottica FFP, dalle parti di Milano studiano le mosse per non appesantire le casse del club.


Come riporta La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, in questo senso sarà fondamentale intervenire con il taglio degli ingaggi pesanti che l'amministratore delegato rossonero, Ivan Gazidis, ha già iniziato ad avviare nel mese di gennai con gli addi dei vari Piatek, Suso, Reina, Borini, Caldara e Rodriguez. Il polacco è stato ceduto a titolo definitivo, mentre gli altri hanno salutato in prestito e permesso comunque alla società di risparmiare su alcuni ingombranti stipendi.


Lucas Biglia

Il conto totale - scrive ancora la rosea - è di 25,9 milioni di euro, dato che potrebbe lievitare in estate con gli addi Lucas Biglia e Giacomo Bonaventura che porteranno un ulteriore risparmio di circa 9,7 milioni lordi, grazie ai 6,2 milioni dell'argentino e ai 3,5 dell'ex Atalanta


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A!