Uno dei temi caldi di cui si è discusso in questi giorni, a fronte dell'emergenza Coronavirus, riguarda il possibile taglio agli stipendi di calciatori e staff tecnici da parte delle società di Serie A. La prima in Italia è stata la Juventus, di comune accordo con la rosa, che ha sospeso i pagamenti fino a giugno in attesa di sapere se il campionato italiano verrà ripreso oppure annullato.


Rinunciare al pagamento di quattro mensilità ha permesso al club bianconero di risparmiare circa 90 milioni di euro. Se tutto adottassero il metodo Juve, quale sarebbe il risparmio effettivo per le big? Come rivelato da un'analisi condotta da Sky Sport, i bilanci di Inter, Milan e Roma gioverebbero di oltre 60 milioni di euro; 45 milioni di euro per il Napoli; 28 milioni di euro per la Lazio. I possibili risparmi, però, vanno paragonati ai mancati incassi.

Juventus v Udinese Calcio - Serie A

Ipotizzando che nessuna società guadagni da sponsor, partite e diritti televisivi, la Juventus perderebbe 140 milioni di euro; l'Inter circa 100 milioni di euro; il Milan 70 milioni di euro; la Roma 64 milioni di euro; il Napoli 62 milioni di euro; la Lazio 37 milioni di euro.


Il confronto permette di capire la reale portata del gesto etico ed economico compiuto dalla Juve sui bilanci annuali. Se per bianconeri e nerazzurri la perdita sarebbe di quasi 50 milioni di euro, le altre big sorridono: la Roma scenderebbe di 9 nove milioni di euro, mentre il Milan solamente di 4 milioni di euro.


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!