Chent'annos. Cento anni di ​Cagliari e cento racconti sul club rossoblù. I calciatori, allenatori, dirigenti e presidenti ma anche eventi e curiosità che hanno fatto la storia della società isolana. Un viaggio nel cuore della squadra che rappresenta un'intera regione per cento giorni, fino al 30 maggio 2020, giorno del Centenario rossoblù.


Un attaccante da pochi gol ma tanto sacrificio

Roberto Sensinni

Tre anni. Diversi gol realizzati e tanti altri sbagliati. Tre stagioni intense. Tanto sono bastate ai tifosi del Cagliari per amare Dario Silva, uno dei tanti uruguaiani passati per la Sardegna grazie all'ottimo rapporto tra Massimo Cellino e Paco Casal (il più importante agente uruguaiano). Pescato dal Penarol, Silva sbarca all'aeroporto di Elmas nell'estate '95. Le prime due stagioni con la maglia rossoblù si concludono con appena 7 gol realizzati e una retrocessione in Serie B. Sa Pibinca decide di rimanere in Sardegna, prima però gioca con l'Uruguay la Confederations Cup, terminata con due gol all'attivo e la sconfitta nella finalina contro la Repubblica Ceca.


Nella sua terza (e ultima) stagione in rossoblù realizza 13 gol in 27 partite di campionato (in Serie B) contribuendo alla pronta risalita in Serie A del Cagliari. A quel punto può lasciare definitivamente l'isola. Proseguirà la sua carriera tra Spagna e Inghilterra.


Nella sua avventura cagliaritana, considerando tutte le competizioni, Dario Silva ha timbrato il cartellino solamente 24 volte (in quasi 100 presenze). Non è stato il bomber da sogno che tutti ricordano per le reti. Anzi, l'uruguaiano in Sardegna è ricordato per i suoi clamorosi errori sotto porta. Era capace di realizzare gol in acrobazia e poi sbagliare il tocco facile facile sotto porta. Ma in fatto di generosità non era secondo a nessuno. Aiutava la squadra in fase di non possesso palla, attaccandosi agli avversari senza lasciargli un attimo di respiro. Anche per questa sua caratteristica a Cagliari viene ricordato con tanto affetto.


Dove è nato il soprannome Sa Pibinca

Roberto Sensinni

Ci sono diverse versioni sul soprannome dell'uruguaiano: Sa Pibinca. Dalla traduzione "La Scimmietta" passando per la "persona puntigliosa, che non molla mai, come una zecca". Entrambe le versioni hanno un fondo di verità. Dario Silva infatti in campo aveva le movenze di una scimmietta, con quella camminata agile ma un po' ondeggiante e imprevedibile; però era anche una zecca, sempre pronto ad attaccarsi agli avversari per non farli ragionare e non mollava mai la presa.


Ma il soprannome Sa Pibinca è nato da uno sketch televisivo con il gruppo comico dei Lapola. Il leader del gruppo, Massimiliano Medda, interpretava un calciatore esotico acquistato dal Cagliari (ma destinato alla panchina) e raccontava di un'uscita in doppia coppia con Dario Silva insieme a due signorine. Descrivendo la serata dell'uruguaiano, Medda disse: "[...] saltava di felicità, sembrava una Pibinca". Questa parola venne utilizzata anche negli sketch successivi, diventando poco dopo il soprannome di Silva. 


Breve biografia di Dario Silva

Roberto Sensinni

Dario Debray Silva Pereira (Treinta y Tres, 2 novembre 1972) è stato un attaccante del Cagliari nella seconda metà degli anni '90. Sa Pibinca ha vestito la maglia rossoblù per tre stagioni collezionando 97 presenze e 24 gol. Arrivato dal Penarol nell'estate '95, si è fatto amare dal popolo cagliaritano per la sua generosità e per il suo modo di fare, sempre genuino. Ha vissuto la delusione della retrocessione in Serie B ma è rimasto nel capoluogo sardo per riportare la squadra in Serie A prima di lasciare l'isola per trasferirsi nella Liga Spagnola.


Articolo e rubrica a cura di Marco Deiana


LEGGI ANCHE:


#1 - La storia di Daniele Conti

#2 - La storia di Manlio Scopigno

#3 - La storia di Roberto Muzzi

#4 - La storia di Fabian O'Neill

#5 - La storia di Alessio Scarpi

#6 - La storia di Massimiliano Allegri

#7 - La storia di Enzo Francescoli

#8 - La storia di David Suazo

#9 - La storia di Enrico Albertosi

#10 - La storia di Matteo Villa

#11 - La storia di Tonino Orrù

#12 - La storia di Gianfranco Matteoli

#13 - La storia di Davide Astori

#14 - La storia di Gigi Piras

#15 - La storia di Luis Oliveira

#16 - La storia di Gigi Riva

#17 - La storia di Francesco Pisano

#18 - La storia di Sergio Gori

#19 - La storia di Comunardo Niccolai

#20 - La storia di Mauro Esposito

#21 - La storia di Nené

#22 - La storia di Andrea Cossu

#23 - La storia di Giuseppe Tomasini

#24 - La storia di Oscar Washington Tabarez

#25 - La storia di Tommaso Giulini

#26 - La storia di Diego Lopez

#27 - La storia di Pierpaolo Bisoli

#28 - La storia di Carlo Mazzone

#29 - La storia di Massimo Rastelli

#30 - ​La storia di Gianluca Festa


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!