Chent'annos. Cento anni di ​Cagliari e cento racconti sul club rossoblù. I calciatori, allenatori, dirigenti e presidenti ma anche eventi e curiosità che hanno fatto la storia della società isolana. Un viaggio nel cuore della squadra che rappresenta un'intera regione per cento giorni, fino al 30 maggio 2020, giorno del Centenario rossoblù.


Uno degli eroi dello Scudetto

Ha sfiorato le duecento presenze con la maglia del Cagliari. Nell'anno dello Scudetto ha toccato quota 17 presenze, fermato solamente da un doppio infortunio al ginocchio che non gli ha permesso di essere in campo nel rush finale. Con la maglia rossoblù ha giocato anche in Europa tra Coppa dei Campioni, Coppa UEFA e Coppa delle Fiere. 


Al termine delle sue nove stagioni a Cagliari, Giuseppe Tomasini ha collezionato precisamente 195 presenze tra Serie A, Serie B, Coppa Italia e le tre competizioni europee citate poco sopra. È entrato nella storia del club rossoblù e non solo per lo storico Scudetto ma anche per la fedeltà dimostrata alla squadra cagliaritana. Arrivato nell'estate '68, ha appeso gli scarpini al chiodo nel '77, sempre vestendo la maglia del Cagliari. Nella stagione successiva al ritiro - e per un solo anno - è stato il vice allenatore di Toneatto in Sardegna.


Il legame unico con la Sardegna


Ha deciso di mettere le radici in Sardegna. Eppure all'inizio non voleva neanche sbarcare sull'isola. Dopo l'esperienza alla Reggina, il calciatore - di proprietà del Brescia - non aveva intenzione di tornare al sud tanto da minacciare il club bresciano di rifiutare l'offerta dei sardi. Alla fine però si ritrovò quasi costretto ad accettare la proposta del Cagliari. Era l'estate '68, Tomasini si trovava in vacanza quando da Brescia lo chiamarono: "Devi andare a Cagliari. Hai quindici giorni di tempo per pensarci: o vai in Sardegna o finisci di giocare a calcio". In quel momento il buon Beppe si vide passare davanti a sé tutti i sacrifici fatti da ragazzino per diventare un calciatore professionista e - seppur a malincuore - decise di accettare il trasferimento in terra sarda.


“Arrivai qui nel ’68. Venivo da due stagioni nella Reggina e da una nel Brescia. Se avessi potuto, avrei rifiutato il trasferimento. Cagliari mi spaventava, a Reggio Calabria mi ero fatto un’altra idea del Sud”


Dopo appena tre mesi però Tomasini si ambienta nella sua nuova squadra e si innamora della Sardegna: la tranquillità e il clima hanno definitivamente convinto Giuseppe Tomasini a sposare il progetto Cagliari. Due anni dopo il suo sbarco in Sardegna arriverà lo Scudetto. A questo punto decide di fermarsi definitivamente nell'isola anche al termine della sua carriera da calciatore.


“Di nascita sono lombardo, ma papà era veneto e la mamma di Lecce. Sono cresciuto tra nebbia e terra. Qui apri la finestra e hai orizzonti ampi, visibili. Capisco la lingua sarda e un pochino la parlo. Mi considero uno di Cagliari. A Palazzolo ho un appartamento in cui non abiterò mai“

A Brescia lo attendeva un lavoro nell'azienda di famiglia della moglie ma per Tomasini era diventato impossibile lasciare l'isola. Soffriva il mal di Sardegna. Decide quindi di investire i suoi guadagni nell'acquisto di un distributore di benzina, compreso di bar. A quel punto niente e nessuno è più riuscito a schiodarlo da questa terra che è diventata anche sua.


Breve biografia di Giuseppe Tomasini

Giuseppe Tomasini (Palazzolo sull'Oglio, 28 settembre 1946) ha vestito la maglia del Cagliari per nove stagioni. Il difensore è arrivato in Sardegna nell'estate 1968 vincendo lo storico Scudetto del 1970, difendendo e onorando la casacca rossoblù per otto stagioni in Serie A e una stagione in Serie B. Ha concluso la sua carriera da calciatore nel '77, diventando subito il secondo allenatore a Cagliari di Toneatto. Quest'ultima esperienza è durata appena una stagione. Ha deciso di mettere le radici nell'isola preferendo investire in un distributore di benzina in Sardegna piuttosto che accettare le offerte (dal mondo del calcio) arrivate da oltre il Tirreno.


Articolo e rubrica a cura di Marco Deiana


LEGGI ANCHE:


#1 - La storia di Daniele Conti

#2 - La storia di Manlio Scopigno

#3 - La storia di Roberto Muzzi

#4 - La storia di Fabian O'Neill

#5 - La storia di Alessio Scarpi

#6 - La storia di Massimiliano Allegri

#7 - La storia di Enzo Francescoli

#8 - La storia di David Suazo

#9 - La storia di Enrico Albertosi

#10 - La storia di Matteo Villa

#11 - La storia di Tonino Orrù

#12 - La storia di Gianfranco Matteoli

#13 - La storia di Davide Astori

#14 - La storia di Gigi Piras

#15 - La storia di Luis Oliveira

#16 - La storia di Gigi Riva

#17 - La storia di Francesco Pisano

#18 - La storia di Sergio Gori

#19 - La storia di Comunardo Niccolai

#20 - La storia di Mauro Esposito

#21 - La storia di Nené

#22 - ​La storia di Andrea Cossu


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!