​Vigilia di Champions League per la ​Juventus. I bianconeri saranno ospiti del Lione per l'andata degli ottavi di finale della competizione europea. Periodo caldo per la formazione juventina, attesa poi domenica sera dalla sfida di campionato contro l'Inter, match che si disputerà a porte chiuse all'Allianz Stadium. Prima però testa al Lione e alla Champions League. Nella conferenza stampa di rito si sono presentati il tecnico Maurizio Sarri e il difensore Leonardo Bonucci. 


Le parole di Leonardo Bonucci in conferenza stampa


"La Juventus arriva carica, determinata e con quell'entusiasmo che era un po' mancato nell'ultimo periodo. Il Lione è una buona squadra. Chiellini? Il suo rientro è stato molto importante per il mondo Juve, per il mister e per la squadra. Lui è il nostro simbolo, porta carisma e leadership. Ho imparato tanto da lui. Questa città porta in mente bei ricordi sia con la Juventus sia con l'Italia. Abbiamo ottenuto vittorie importanti qui ed è il luogo ideale per dimostrare che la Juventus c'è quando conta. Siamo primi in campionato e abbiamo raggiunto gli ottavi di finale di Champions League con due gare d'anticipo come mai ci era successo prima. Abbiamo pareggiato inoltre in trasferta la semifinale di andata di Coppa Italia. Come risultati era dura pretendere di più".


Le parole di Maurizio Sarri in conferenza stampa


"Se la partita Juventus-Inter si giocherà a porte chiuse, allora tutte le partite dovrebbero giocarsi a porte chiuse. Il virus è un problema europeo, non italiano. Ritengo che i nostri tifosi abbiamo tutto il diritto di essere qui. C'è un problema e tutti hanno il dovere di risolverlo".


"Sento più peso della responsabilità in Serie A e sentiamo l'obbligo di centrare gli obiettivi. In Europa ci sono squadre con una potenza superiore alla nostra. In campo europeo siamo tra le 10-12 squadre che hanno questo obiettivo-sogno. La Champions League è un sogno: per il calcio italiano è un sogno difficilissimo. In venti anni siamo stati superiori da diversi movimenti calcistici. Siamo molto fortunati a poter inseguire questo obiettivo-sogno. Se lo raggiungi è estasi"


"Rabiot è in grande crescita. Non è facile entrare nel calcio italiano. Il francese ci lascia sempre la sensazione di avere qualcosa in più da tirare fuori e il suo percorso di miglioramento è ben avviato. Il Lione? Squadra tecnica con elementi di cambio di passo e fisicità. È una squadra pericolosa e per questo motivo dobbiamo fare una prestazione di alto livello. Noi abbiamo un centrocampo con diverse caratteristiche. La partita di domani sarà difficile da interpretare. Servirà il dinamismo di uno dei nostri tre di centrocampo"


"Cristiano Ronaldo è un giocatore apprezzato in tutto il mondo. È al top: per lui parlano i numeri. È un giocatore trascinante e che sta bene dal punto di vista fisico e mentale. Sono contento che siano tornati in gruppo Khedira e Douglas Costa. È bella sapere di poter fare affidamento anche su loro in questa fase della stagione".


Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A!