Fabio Borini

Il Verona batte 3-0 il Lecce, Il Parma supera 2-0 l'Udinese. Pari tra Samp e Sassuolo

Verona-Lecce, Sampdoria-Sassuolo e Parma-Udinese sono le tre partite in programma alle ore 15 valevoli per la giornata numero 21 del campionato italiano di Serie A.

1. Verona-Lecce 3-0

Il Verona preme subito sull'acceleratore alla ricerca del goal del vantaggio. Al 12' Pessina serve Verre al limite, ma il sinistro a giro del centrocampista finisce di poco a lato. Al 19' la squadra di casa passa in vantaggio. Dagli sviluppi di un angolo calciato da Veloso, Dawidowicz stacca di testa anticipando Babacar e battendo l'incolpevole Gabriel. Il goal dà nuova fiducia agli scaligeri che si riversano nella metà campo del Lecce. Al minuto numero 34 il Verona raddoppia. Lazovic mette un ottimo pallone in area, Pessina anticipa tutti e, di testa, porta il punteggio sul 2-0.  In pieno recupero Majer prende la traversa, Lecce vicino al goal.


Il Lecce, nel secondo tempo, prova ad accorciare le distante, ma si espone inevitabilmente alle pericolose ripartenze della squadra ospite. Al 50' grande parata di Vigorito, subentrato all'infortunato Gabriel, su un tiro a botta sicura di Pessina. Al 67' Dell'Orco viene espulso per doppia ammonizione dopo un fallo su Pessina. Il Lecce è in dieci. Il Verona è in vantaggio di due goal e con l'uomo in più. All'86' Lucioni frana su Amrabat. L'arbitro concede il rigore. Dal dischetto si presenta Pazzini che segna il goal del 3-0.

2. Parma-Udinese 2-0

Nei primi minuti di gioco le due squadre si studiano. Il primo squillo della gara è della squadra ospite, ma il colpo di testa di Okaka, al centro dell'area, è impreciso. Al 19' il Parma passa in vantaggio. Il tiro di Kulusevski viene murato da Nuytinck, ma il pallone finisce sui piedi di  Gagliolo che di sinistro al volo batte Musso. Al minuto numero 32 emiliani ancora pericolosi. Musso è bravo a salvare su Cornelius. Due minuti dopo i ducali raddoppiano. Kulusevski fa partire un tiro non irresistibile da fuori area, ma Musso compie una mezza papera e il pallone finisce in rete. L'Udinese prova a reagire. Al 41' Lasagna colpisce la traversa con un tiro di sinistro da dentro l'area. 


Nel secondo tempo l'Udinese alza il proprio il baricentro nel tentativo di riaprire la partita, ma il Parma è pericolosissimo nelle riaprtenze. Al 51' e al 52' prima Hernani e poi il solito Kulusevski spaventano Musso. Al minuto numero 63  Lasagna serve Mandragora. Il tiro del centrocampista trova però pronto Sepe. Il portiere del Parma è ancora protagonista due minuti dopo riuscendo a sventare un pericoloso tiro di De Paul deviato da Kulusevski.  L'Udinese è ancora pericolosa con Mandragora, ma il centrocampista, solo davanti a Sepe, sciupa malamente la favorevole occasione. All'88'  Cornelius, di testa, sfiora il bersaglio. 

3. Sampdoria-Sassuolo 0-0

La prima fase della partita è caratterizzata da ritmi molto blandi. Il Sassuolo esercita uno sterile possesso del pallone, la Sampdoria attende per poi ripartire. Al 25' l'episodio che può cambiare la partita. Peluso ferma in modo scorretto Gabbiadini lanciato a rete. Per l'arbitro è fallo da ultimo uomo e dunque espulsione diretta. Il Sassuolo resta in dieci. La Sampdoria, nonostante la superiorità numerica, non riesce a rendersi pericolosa. La compagine di Roberto De Zerbi continua a mantenere il pallino del gioco. Il tecnico degli emiliani non vuole che la squadra arretri nonostante sia in 10 uomini.


Al minuto numero 53' il Sassuolo va vicinissimo al goal. Ripartenza degli emiliani con Berardi che serve Boga. L'ivoriano, in area di rigore, lascia partire un tiro che colpisce la base del  palo! La Sampdoria risponde subito. Bella girata di Manolo Gabbiadini, ma Consigli non si lascia sorprendere. I ritmi ora sono più alti. Al 59' cross dalla sinistra di Linetty, il pallone finisce sui piedi di Quagliarella. La conclusione dell'attaccante sfiora l'incrocio dei pali. Al minuto numero 70  ancora protagonista Consigli che si oppone a un colpo di testa di Linetty. Dopo dei minuti vibranti di gioco, ora le due squadre abbassano i ritmi. Il risultato non cambia più. Sampdoria e Sassuolo termina con il punteggio di 0-0.