FBL-ITA-SERIEA-AC MILAN-UDINESE

Le esultanze più originali e iconiche della Serie A e non solo

Nella giornata di Serie A conclusasi ieri con Atalanta-Spal, abbiamo visto molti gol e diverse esultanze. Tra tutte spiccano lo strano bacio di Ronaldo e Dybala in seguito al gol di CR7 al Parma e l'esultanza alla Iron Man di Theo Hernandez contro l'Udinese. Siamo andati, dunque, a recuperare alcune delle esultanze più strane.

1. L'esultanza a cerchio di Cassano

La partita è una di quelle che rimarranno per sempre scolpite nella memoria dei tifosi romanisti, ovvero Roma-Juventus 4-0 della stagione 2003-2004. 


Cassano sigla il gol del 3 a 0 giallorosso con un tocco di sinistro sotto porta e, prima, si toglie la maglia gettandola al vento, poi, corre fino alla bandierina e, atterrato da Lima, invita lo stesso Lima, Dacourt, Chivu, Panucci, Mancini e Totti a sedersi in cerchio e ad alzare le braccia al cielo.

2. L'esultanza di Del Piero e Vieri contro la Norvegia

Ottavi di finale dei Mondiali 1998, l'Italia batte la Norvegia 1-0. Il gol decisivo lo segna Bobo Vieri che, lanciato in profondità da Di Biagio, entra in area e incrocia col destro.


Dopo la rete, Vieri si siede per terra con le gambe incrociate e, poco dopo, lo raggiunge Del Piero che si inginocchia di fronte a lui, fissandolo con le braccia incrociate. Un'esultanza, questa, rimasta impressa nel ricordo dei tifosi della Nazionale azzurra.

3. Il trenino di Igor Protti

Stagione 1996-1997, derby Roma-Lazio. I giallorossi stanno vincendo, ma al 92' Protti segna il gol del pareggio per i biancocelesti colpendo, in allungamento, di destro e superando Cervone.


Protti inizia a correre in preda alla gioia, ma, poi, si mette a carponi e Negro lo imita, mettendosi dietro di lui. I due fanno una sorta di trenino che i tifosi della Lazio ricordano ancora con molto affetto.  

4. Il bacio di Dybala e Cristiano Ronaldo

Ecco l'ultima esultanza strana in ordine cronologico. Domenica sera, contro il Parma, Cristiano Ronaldo ha messo a segno una doppietta che ha permesso alla Juve di vincere. Il secondo gol di CR7 arriva su assist di Dybala.


Dopo il gol allora Cristiano Ronaldo corre abbracciando il compagno argentino e, avvicinatosi per dargli un bacio sulla guancia, gli stampa accidentalmente un bacio in bocca.

5. L'esultanza 'canina' di Mertens

Roma-Napoli della stagione 2016-2017. Scontro diretto tra le inseguitrici della Juventus che viene vinto dal Napoli grazie a una doppietta di Mertens. 


Il primo gol del Napoli arriva grazie a un pallonetto del belga che, subito dopo, si avvicina alla bandierina, si mette a carponi e alza la gamba, simulando un cane che fa la pipì. I tifosi romanisti non apprezzarono il gesto e lo fischiarono.  

6. Theo Hernandez in versione Iron Man

Torniamo di nuovo a domenica scorsa. All'ora di pranzo il Milan ha battuto l'Udinese all'ultimo respiro grazie al gol di Rebic. A siglare il momentaneo 2-1 ci aveva pensato, però, Theo Hernandez con un bellissimo tiro al volo.


L'ex Real Madrid, in seguito al magnifico gol, ha incominciato a correre verso la curva, lanciandosi poi di pancia sul manto erboso in cui è scivolato per alcuni metri con una posa che ha ricordato molto il supereroe Iron Man quando vola. 

7. La bicicletta umana dello Stjarnan

Forse i tifosi interisti si ricorderanno dello Stjarnan, squadra islandese asfaltata dalla formazione dell'allora tecnico Mazzarri nei preliminari dell'Europa League 2014-2015.


Questa squadra è famosa per le esultanze corali. In una partita, infatti, dopo una rete, hanno celebrato con una vera e propria bicicletta umana con un calciatore seduto sulla schiena di un compagno (a fare da sellino), i piedi sulle mani (a fare da pedali) di un altro posto sotto e, infine le sue mani sulle braccia (impugnature) di un ultimo compagno posizionato davanti a lui.

8. La Mannequin Challenge di Vardy

Partita amichevole tra Inghilterra e Spagna del novembre 2016. L'attaccante del Leicester, Jamie Vardy, raddoppia per la Nazionale dei Tre Leoni con un bel colpo di testa in tuffo su cross da destra.


Dopo essersi rialzato, Vardy alza il braccio, poi si volta e rimane immobile nella posizione assunta. Una sorta di manichino. In quei mesi, infatti, era in voga la Mannequin Challenge: le persone dovevano rimanere bloccate come manichini mentre venivano ripresi.

9. Il selfie di Totti

Un altro derby romano, stavolta della stagione 2014-2015. La Lazio è avanti 2-0, ma entra Totti e con una splendida doppietta pareggia i conti. Il secondo gol, soprattutto, è una perla: cross di Holebas dalla sinistra che il capitano giallorosso trasforma in rete con una mezza rovesciata.


A seguito di questa rete i tifosi giallorossi impazziscono, Totti corre a esultare sotto la curva, poi si fa passare un telefono, mette la fotocamera e si fa un selfie con la curva giallorossa.

10. Balotelli vs Germania

Europei 2012, semifinale tra Italia e Germania. La Nazionale di Prandelli viene trascinata da Balotelli che, con una doppietta nel primo tempo, permette agli Azzurri di accedere alla finale. 


In occasione del secondo gol in cui ha superato Neuer con un tiro potentissimo, Super Mario si toglie la maglia e mostra i muscoli. Un'esultanza diventata subito iconica.