FBL-ENG-PR-TOTTENHAM-LIVERPOOL

Calcio estero: il resoconto dei 3 principali campionati europei

Ripresa graduale per i campionati più importanti d'Europa. Ancora vacanza per la Bundesliga, il cui girone di ritorno inizierà il con il Bayern Monaco che ha scelto di rinnovare la fiducia ad Hans Flick fino al termine della stagione, settimana prossima sarà il tempo per il ritorno dell'Eredivisie, mentre la Liga dopo il turno post-natalizio ha lasciato spazio alla rinnovata formula della Supercoppa nazionale.


In Inghilterra, Francia e Portogallo invece si gioca regolarmente: Benfica e Porto sembrano destinate a un lungo testa a testa, perché i quattro punti di vantaggio non danno certezze alle Aquile con ancora davanti un girone intero e gli impegni europei, mentre Liverpool e Psg sono più o meno senza rivali. La prima in campionato del nuovo allenatore del Monaco Roberto Moreno però promette bene...

1. Premier League: Agüero da record, Liverpool anche

Dopo la consueta pausa seguita al tour di partite durante le feste il campionato è ripreso senza modifiche sul tema. Liverpool sempre più in fuga grazie alla vittoria consecutiva numero 13, nona in campionato: anche Mourinho (Tottenham al terzo ko nelle ultime quattro partite) si arrende allo strapotere della squadra di Klopp, vittoriosa grazie a Firmino


L'ultima squadra a fermare i campioni d'Europa è stato il Napoli di Ancelotti, il cui Everton riprende a marciare dopo aver chinato la testa al City e allo stesso Liverpool, ma in FA Cup: Brighton battuto e aggancio all'Arsenal, dove la cura Arteta non sembra sortire effetti. 


E mentre Agüero entra nella storia come lo straniero più prolifico della storia della Premier League, in zona Champions League la crisi del Leicester ricompatta almeno parzialmente il gruppo: Chelsea e anche Man United in rimonta, oltre al sempre meno sorprendente Sheffield United. 


Nei bassifondi il Watford completa la miracolosa rimonta iniziata in tardo autunno, dall'ultimo posto staccato alla quartultima posizione grazie alla quarta vittoria nelle ultime cinque partite, ai danni di un Bournemouth in caduta libera.

2. Ligue 1: il nuovo Monaco fa la voce grossa

Il programma è ripreso con lo spettacolare pareggio del Parco dei Principi, dove il Monaco di Moreno ha imposto il pari alla capolista indiscussa del campionato. Sei gol in un tempo, con Slimani a fissare il punteggio a metà ripresa tra due squadre in forma, le più europee del panorama nazionale. 


Per il Monaco una bella iniezione di fiducia nella rincorsa all'Europa (dieci punti in quattro partite sotto il nuovo corso tecnico), mentre per la squadra di Tuchel cambia poco anche se il margine sul Marsiglia si è assottigliato a cinque punti. 


Semmai non esalta la coesistenza delle quattro stelle dell'attacco, Icardi, Di Maria, Mbappé e Neymar, perché a brillare è solo il brasiliano, ma per le prove generali da Champions League c'è ancora tempo. 


Alle spalle dei campioni e dell'OM risalgono Rennes e Lione: la squadra di Garcia si sta mostrando più forte dei tantissimi infortuni ed è passata grazie a Cornet e Dembélé sul campo di un Bordeaux in caduta libera: per la squadra di Paulo Sousa è la terza sconfitta consecutiva e la panchina del tecnico portoghese inizia a scricchiolare.

3. Primeira Liga: verso le prime pose chiave

Il campionato era già ripreso nel primo weekend di gennaio con l'importante vittoria del Porto sul campo dello Sporting, che aveva permesso alla squadra di Conceiçao di restare in scia al Benfica vittorioso sul Guimaraes. 


Stesso cliché per la penultima di andata con doppio successo delle due grandi: ancora una volta più significativo quello dei Dragoni, in trasferta e in rimonta sul campo della Moreirense, mentre le Aquile hanno piegato ancora di misura e a fatica il fanalino di coda Aves, superato da un gol di André Almeida a un minuto dalla fine. Il tutto alla vigilia di un turno chiave, con incroci tra quattro delle prime cinque: il calendario propone Porto-Braga e Sporting-Benfica.


Una chance per riavvicinarsi per il Famalicao, che sembra in ripresa dopo aver iniziato il 2020 con due vittorie, ma la testa della classifica è ormai lontanissima dopo il sorprendente inizio.