Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A!


"Se Atene piange, Sparta non ride". Un proverbio tristemente adatto per il grave infortunio subito da Nicolò Zaniolo. Il suo ko nella gara persa della Roma apre molteplici scenari: quelli di mercato per il club giallorosso, ma anche la ricerca di un sostituto per il centrocampo della Nazionale italiana guidata da Roberto Mancini, che a giugno comincerà l'avventura di Euro 2020.

FBL-ITA-SERIEA-ROMA-JUVENTUS

Per Zaniolo l'infausta diagnosi "rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro" e per il ct Mancini un problema ​in più in vista della manifestazione europea. Il numero 22 giallorosso magari non sarebbe stato uno di quei titolari inamovibili, ma avrebbe rappresentato una delle prime alternative in un centrocampo composto da Nicolò Barella, Jorginho, Marco Verratti, Stefano Sensi, Lorenzo Pellegrini e appunto Nicolò Zaniolo. Questo sarebbe stato il sestetto azzurro nella linea mediana in vista di Euro 2020.

FBL-EURO-2020-QUALIFIER-ITA-ARM

Con Zaniolo out, a meno di un clamoroso recupero dopo la ricostruzione del legamento portata a termine ieri (un po' come il recupero di Francesco Totti per il Mondiale 2006, ma l'infortunio era totalmente diverso), si apre il toto-nome per il sostituto. Sono tre i calciatori in pole per prendere il posto di Zaniolo: Sandro Tonali, Gaetano Castrovilli e il compagno di squadra Bryan Cristante. 

Sandro Tonali

Il più adatto dal punto di vista tattico sembra il promettentissimo mediano del Brescia. Mancini vorrebbe puntare su Sensi mezzala, una scelta che di fatto escluderebbe sia Cristante (che nella Roma non gioca da regista), sia Castrovilli (altra mezzala). Tonali, infatti, può rappresentare il ricambio naturale di Jorginho, che al momento non ha un sostituto in cabina di regia. Ai posteri, anzi, a Roberto Mancini, l'ardua sentenza.