​Non si placano le polemiche per la frase pronunciata dalla stella del ​Milan di Sacchi, Marco Van Basten, durante una diretta con una tv olandese.


L'ex Milan, infatti, lavora come commentatore su Fox Sports e, dopo la fine di un collegamento con l'allenatore tedesco Frank Wormuth, ha pronunciato la frase nazista 'Sieg Heil', pensando di non essere in diretta. Ciò ha portato la tv olandese a prendere dei provvedimenti, sospendendo Van Basten per due settimane, devolvendo il denaro che sarebbe andato all'ex attaccante in quell'arco di tempo all'Institute of Wars, Holocaust and Genocide Studies. Non è finita qui.

A causa della frase nazista, anche EA Sports, azienda produttrice del videogioco più famoso di calcio, FIFA, ha deciso di punire Van Basten. Gli utenti di FIFA 20 non potranno più acquistarlo nella modalità FUT, ovvero FIFA Ultimate Team. Ecco il comunicato della Electronic Arts, riportato da italiasera.it:

“Siamo a conoscenza delle recenti dichiarazioni di Marco van Basten. Poiché intendiamo rispettare il nostro impegno in favore dell’uguaglianza e della diversità all’interno del nostro gioco, abbiamo deciso di escludere gli oggetti ICONA di Marco van Basten dai pacchetti, dalle SCR e da FUT Draft fino a nuovo ordine. Continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti”.


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A!