​In attesa dei grandi saldi di gennaio e dell'apertura della sessione invernale di calciomercato, oggi è tempo di Black Friday. Per dirla in italiano, il venerdì nero che corrisponde - giusto per conoscenza - al giorno successivo alla Festa del Ringraziamento (festa cristiana che viene osservata negli Stati Uniti il quarto giovedì di novembre). Un giorno ricco di sconti, di offerte mai viste (o almeno così dovrebbe essere...). Per un solo istante provate ad immagine un calciomercato aperto 365 giorni l'anno, che segue le mode del commercio italiano (e mondiale): i saldi a gennaio e luglio, il Black Friday e così via. Ecco, se il mercato oggi fosse aperto quali sarebbe i calciatori della Serie A che potrebbero essere venduti a prezzo stracciato? 


Mario Mandzukic

Mario Mandzukic

La ​Juventus se ne vuole liberare già dall'estate. I sondaggi non sono mancati ma il croato continua ad essere un giocatore di proprietà bianconera. Neanche le ricche avance arrivate da Cina e Arabia Saudita hanno smosso l'ex centravanti del Bayern Monaco. Ma oggi, con il Black Friday, la società juventina potrebbe garantire un ulteriore sconto sulla valutazione di partenza.


Ad una condizione però: la Juventus non può prendere in considerazione di mettere a bilancio una minusvalenza. Quindi non aspettatevi un prezzo ribassato oltre i 5,5 milioni di euro. Che, considerando l'esperienza e la forza del calciatore, è un ottimo prezzo. Chi se lo aggiudicherà?


Krzysztof Piątek

Krzysztof Piatek

Il Pistolero si è inceppato. Purtroppo per il Milan è già passato troppo tempo per poter effettuare il reso, senza considerare il fatto che inizialmente il calciatore ha fatto il suo egregio lavoro. Ora in casa rossonera si domandano come poter recuperare i 35 milioni di euro spesi lo scorso gennaio. Difficile portare a casa l'intera cifra investita undici mesi fa.


Fosse aperto il mercato e considerando il Black Friday, il Milan avrebbe potuto vendere l'attaccante polacco dal Pum Pum Pum facile (almeno un tempo...) a prezzo di saldo. E gli acquirenti non mancherebbero di certo.


Lorenzo Insigne

Lorenzo Insigne

C'è chi da tempo aspetta il suo definitivo salto di qualità. Nessuno mette in dubbio le sue enormi potenzialità tecniche solo che gli manca l'ultimo passo per diventare un giocatore di livello mondiale. Sarà l'aria di casa (che dà stimoli ma mette anche tante pressioni) o sarà una collocazione tattica ancora tutta da scoprire (è esploso come ala pura a sinistra, ma negli ultimi anni viene schierato ovunque tranne che nel suo habitat naturale), fatto sta che Il Magnifico (così come lo chiamano i suoi veri fan) potrebbe cambiare casacca per consacrarsi definitivamente.


Il rapporto tra lui e il ​Napoli è di amore e odio, idem con l'ambiente. Insomma, con il Black Friday c'è la possibilità di mettere a segno un grande affare. Anche se - onestamente - dubito che De Laurentiis sia propenso a fare sconti da sogno per il calciatore. Ma occhio a Mino Raiola, uno abituato a fare grandi affari: non si sa a favore di chi, sicuramente a favore del suo portafoglio.


Alessandro Florenzi

Alessandro Florenzi

È a tutti gli effetti il Capitano della ​Roma. Dopo gli addii, nel giro di pochi anni, di Totti e De Rossi la fascia è andata ufficialmente al suo braccio. Ma Alessandro Florenzi non sembra avere la piena fiducia dell'attuale staff tecnico guidato da Paulo Fonseca. L'allenatore giallorosso anche nei momenti di emergenza l'ha utilizzato con il contagocce e questo ha aperto prospettive diverse sul futuro del duttile esterno destro.


Ma dove lo trovate un calciatore che può giocare indifferentemente come terzino destro, mezzala destra e esterno destro (sia di centrocampo che d'attacco)? La sua duttilità è un punto di forza che diventa però punta debole se un allenatore non riesce ad inquadrarlo totalmente dal punto di vista tattico. E per questo motivo a Roma - almeno tra dirigenti e staff tecnico, per i tifosi è un altro discorso - nessuno si strapperebbe i capelli se dovesse lasciare il club e con il Black Friday la società giallorossa potrebbe applicare un importante sconto. D'altronde negli ultimi anni la Roma ci ha abituato a cessioni importanti a prezzi non proprio stellari.


Mario Balotelli

Mario Balotelli

"Venghino signori, venghino". C'è qualcuno che vuole Mario Balotelli? L'attaccante classe '90 in forza oggi al Brescia è un lontanissimo parente del calciatore apprezzato a Euro 2012. Svogliato, poco concreto e non utile - a queste condizioni - alla squadra. In questo momento sembra rivelarsi quasi un peso per il club lombardo, in lotta per mantenere la categoria.


Cellino ha fatto un grosso sacrificio per portarlo al Brescia e, probabilmente, non si metterebbe in mezzo davanti alla possibilità di liberarlo, liberandosi (scusate il gioco di parole) a sua volta di un lauto ingaggio. Soldi che poi il patron potrà utilizzare per rinforzare la rosa bresciana. Insomma, il Black Friday è la giusta occasione per portarsi a casa un Balotelli a prezzo di saldo, forse anche regalato.


Simone Zaza

Simone Zaza

Doveva rinascere a Torino ma davanti a sé a trovato il Gallo Belotti e un modulo che prevede l'utilizzo di una sola punta. E se 2+2 fa 4, lo spazio per Simone Zaza è stata a dir poco centellinato in questi anni in maglia granata. Ha avuto i suoi exploit ma non ha mai convinto al 100%. Considerando che il Toro non riesce a qualificarsi con regolarità in Europa League, avere sul groppone un ingaggio importante come quello dell'ex Juve e Valencia, diventa rischioso per le casse del club.


E allora quale migliore occasione per liberarsi del calciatore con il Black Friday. Cairo sarebbe disposto a fare uno sconto folle per cedere l'attaccante e alleggerire così il monte ingaggi? Chissà...


Emre Can

Emre Can

Prima l'arrivo di Sarri, poi l'esclusione dalla Lista UEFA e infine lo scarso utilizzo anche in campionato. Stagione negativa per Emre Can, prigioniero della Juventus. Non si aspettava la mancata presenza nella Lista Champions League altrimenti - probabilmente - avrebbe chiesto la cessione già in estate. È andata così e la stagione sta proseguendo con poche presenze e tante dichiarazioni polemiche nei confronti della società.


E il Black Friday arriva nel momento migliore. La Juventus - se il mercato fosse aperto tutto l'anno - avrebbe potuto accontentare il calciatore con una cessione a prezzo di saldo. D'altronde i bianconeri lo hanno acquistato a costo zero, quindi pesa poco e niente a bilancio e qualsiasi cifra incassata garantirebbe una plusvalenza al club juventino.


Matteo Politano

Matteo Politano

Cosa ci fa un esterno d'attacco in un 3-5-2? Nulla. E infatti Matteo Politano, salvo qualche comparsa, vive la sua stagione comodamente seduto in panchina. Antonio Conte lo reputa un jolly, utile in caso d'emergenza come riserva della coppia d'attacco formata da Lautaro Martinez e Romelu Lukaku. Peccato che nel mentre il tecnico nerazzurro si sia follemente innamorato - calcisticamente parlando - del giovane Esposito. Inoltre con il ritorno di Alexis Sanchez, ora infortunato, lo spazio per Politano rischia di essere sempre meno.


Mettiamo anche in mezzo l'idea di creare un tesoretto per rinforzare la squadra (soprattutto a centrocampo) e il gioco e fatto. Il Black Friday arriva nel momento giusto. Mezza Serie A è pronta a fare follie per lui e l'Inter oggi avrebbe garantito un ulteriore ribasso alla sua valutazione. Peccato - per i vari club - che il mercato sia chiuso...


Allan

Marques Allan

Quanto offriva il Paris Saint-Germain lo scorso gennaio? 70, 80 milioni di euro? Dimenticatevi queste cifre. La seconda parte della scorsa stagione è stato da dimenticare e l'annata 2019-20 non è iniziata meglio (a parte qualche grande prestazione, quella più recente mercoledì contro il Liverpool in Champions League). Poi mettiamoci anche lo scontro con Edoardo De Laurentiis, figlio del patron, nei giorni dell'ammutinamento della squadra contro il ritiro imposto dalla società e il cerchio si chiude.


Allan è tra i più colpiti da De Laurentiis: lui e Insigne dovranno cedere il 50% dell'ingaggio lordo mensile per via dell'ammutinamento. Questo di fatto ha creato una rottura con la società. E con il Black Friday avrebbe potuto lasciare Napoli con un ulteriore sconto rispetto alla svalutazione già in atto. Anche se, come scritto poco sopra su Insigne, non penso che De Laurentiis sia propenso a queste giornate di super sconto.


Fabio Borini

Fabio Borini

Qualcuno si domanderà: ma gioca ancora al ​Milan? Sì. Giocare forse è un parolone. Diciamo che fa ancora parte della rosa rossonera (non odiarmi Borini). Il buon Fabio Borini è quello che ha subito maggiormente l'addio di Gattuso. A parte qualche spazio nel precampionato con Marco Giampaolo, l'ex Roma e Liverpool (tra le altre) viene utilizzato con il contagocce (per essere precisi, appena 70 minuti).


Le voci di mercato intorno al suo nome non mancano e con uno sconto folle dovuto al Black Friday la fila dei club interessati a Borini aumenterebbe a dismisura. Peccato che il mercato, come ormai già detto fin troppe volte (ma mai abbastanza) è chiuso.


Articolo a cura di ​Marco Deiana


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della ​Serie A.