​Mediapro ci riprova. Dopo aver fallito l'insediamento come intermediari, il gruppo spagnolo sta studiando un prodotto, un unico canale Serie A per tutte le piattaforme ed un unico abbonamento.


Già lo scorso anno abbiamo assistito a una cosa unica nel nostro calcio: l'inserimento delle partite tramite internet. Non è che prima sul web non si potevano assistere, ma non esisteva un canale (Dazn) che trasmetteva tre gare su dieci di campionato con un piccolo abbonamento mensile.

Diletta Leotta

Inizialmente le cose non andavano bene, con Dazn che non è riuscito, per alcuni mesi, a dare un prodotto buono e appetibile, con i tifosi che lamentavano questo passo fatto dalla Lega Serie A. Ma l'accordo tra Sky e la piattaforma internet ha fatto sì che Mediapro non entrasse in Italia e la tv di Murdoch, investendo 800 milioni di euro, si è assicurata il 75% del pacchetto.


Dopo aver fallito da intermediari, Mediapro è pronto alla riscossa ed entrare in corsa. Infatti, per il nuovo triennio (2021-2024), gli spagnoli hanno un piano: riunire tutte le piattaforme, quindi formare un canale unico (con l'appoggio della Lega Serie A) e un abbonamento unico, a costi contenuti: 30 euro.

​Una sfida a Sky e Dazn a colpi di offerte. Si perché, alla Lega, è stato offerto oltre il miliardo di euro, ma questa volta si fa sul serio, giocando al rialzo e mettendo sul piatto più dei 1,283 miliardi della volta scorsa.

Ma quanto conviene ai tifosi questo accordo? Economicamente andiamo a migliorare? E la comodità?

Sì, conviene. L'abbonamento a 30 euro è una manna dal cielo. Sky, insieme a Dazn, ha un costo superiore (considerando solo i 10 euro al mese della piattaforma internet), ma la comodità è quella che può andare a migliorare soprattutto.


Giovanni Malago,Gaetano Miccichè,Gabriele Gravina

Non c'è più bisogno di girare canali diversi, mettersi alla tv o al pc per seguire la squadra del cuore o il campionato, ma collegarsi su un unico canale, che sia 200, che sia 300 o semplicemente 20 e guardare il match o i match in programma.

​Ecco perché la Lega ci pensa. Il triennio in considerazione è ancora lontano, ma queste cose si sa, bisogna programmarle prima. Nel frattempo, Murdoch sta studiando la comtromossa e ha due anni a disposizione.


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!