Al Tampere Stadion va in scena la sesta giornata del Girone J, valida per le qualificazioni a Euro 2020. A sfidarsi Finlandia e Italia, rispettivamente seconda e prima del raggruppamento. Sono quattro le novità di formazione proposte dal commissario tecnico Mancini rispetto alla gara contro l’Armenia: difesa rivoluzionata a metà con gli innesti di Izzo e Acerbi al posto di Florenzi e Romagnoli. A centrocampo spazio per Sensi, mentre è Pellegrini il prescelto a comporre il tridente offensivo con Belotti e Chiesa.

La Finlandia parte forte e assapora il gol dopo appena quattro minuti con Toivio, che impatta male il pallone all’altezza del secondo palo. Gli azzurri prendono le misure ma devono fare i conti con la sfortuna, che costringe al cambio Emerson Palmieri per un problema muscolare scaturito in seguito a un duello in velocità con Pukki. Al suo posto entra Florenzi, la cui propensione offensiva offre maggiore sicurezza alla squadra di Mancini. L’egemonia dei padroni di casa si interrompe al 27’, quando Hradecky si supera deviando con la punta delle dita una perfetta conclusione al volo di Sensi. L’Italia prende fiducia e si rende sempre più pericolosa, senza però trovare la meritata rete del vantaggio: al 31’ Immobile svetta di testa sul traversone di Chiesa, la palla accarezza il palo alla destra del portiere e si spegne sul fondo. Stessa sorte per i tiri di Sensi e Chiesa nel finale di primo tempo.

L’Italia c’è e dimostra di volere a tutti i costi strappare i tre punti alla Finlandia. La gioia azzurra arriva al 59’: Chiesa sfonda sulla destra e (complice una deviazione di Arajuuri) pesca Immobile in mezzo all’area di rigore, che svetta di testa e insacca la sfera alle spalle dell’impassibile Hradecky. L’euforia dura pochissimo, perché al 72’ è Pukki a ristabilire la parità dal dischetto. Ingenuo Sensi nel commettere fallo. Sette minuti più tardi, al 79’, la ruota gira a favore dell’Italia: l’arbitro Madden concede un rigore generoso agli azzurri per un tocco col braccio di Vaisanen sul tiro di Barella. Dagli undici metri Jorginho si mostra freddo e sigla la rete decisiva del 2-1, che ipoteca la qualificazione a Euro 2020.


IL TABELLINO

Marcatori: 59’ Immobile (I), 72’ rig. Pukki (F), 79’ rig. Jorginho (I.

Finlandia (4-4-2): Hradecky; Granlund (dall’82’ Soiri), Toivio, Arajuuri, S. Vaisanen, Uronen; Lod, Schuller (dall’87’ Kauko), Kamara, Lappalainen (dal 74’ Tuominen); Pukki. A disp.: Jaakkola, Joronen, Forsell, Jensen, Karjalainen, Pirinen, Raitala, Skrabb, L. Vaisanen. All.: Kanerva.

Italia (4-3-3):Donnarumma; Izzo, Bonucci, Acerbi, Emerson Palmieri (dal 6’ Florenzi); Barella, Jorginho, Sensi; Pellegrini, Immobile (dal 76’ Belotti), Chiesa (dal 74’ Bernardeschi). A disp.: Sirigu, Meret, D’Ambrosio, Grifo, Mancini, Romagnoli, Tonali, El Shaarawy, Lasagna. All.: Mancini.

Arbitro: Madden (SCO).

Note: ammoniti: al 21’ Jorginho (I), al 57’ Schuller (F), al 71’ Donnarumma (I), al 74’ Arajuuri (F), al 79’ Vaisanen (F) e al 93' Kauko (F). Recupero: 2’ pt, 4’ st.


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!