​Il giornalista e noto tifosi partenopeo, Carlo Alvino, ha detto la sua sul flop abbonamenti del ​Napoli. Leggermente deluso, ai microfoni di Kiss Kiss ha lanciato qualche frecciatina ai tifosi azzurri e li ha invitati a riempire lo stadio perché al di là dei campioni o meno arrivati dal mercato, il San Paolo è sempre stato il dodicesimo uomo in campo e la passione dei napoletani nei confronti della squadra è enorme. Ecco le sue parole:


"La storia ci dice che il Napoli era spinto dal dodicesimo uomo in campo. Io non vedo disaffezione, non contano le presenze, perché ci sono anche chi non va al San Paolo, accampando scuse varie tra parcheggi e società. L'amore per il Napoli resta anche in quei tifosi che preferiscono la tv con scuse... ma la passione in loro c'è. La passione s'è sopita per lo stadio, il Napoli deve accettare la sfida e con Ancelotti riconquistare tutto lo stadio. La società ha fatto quello che poteva fare con i costi ridotti, cessione dell'abbonamento per evitare la scusa degli orari. Nessuno può negare che negli ultimi anni con due secondi posti ed un terzo posto il Napoli non sia stato competitivo, ma non ci si può abbonare solo per un campione o se si vince. E' un concetto che non ci appartiene storicamente, è l'antitesi dell'appartenenza e della passione. Questa mentalità non ci appartiene, lasciamola ad altri".


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del ​Napoli e della ​Serie A.