Il centrocampista del Cagliari, in prestito dall'​InterRadja Nainggolan, ha parlato ​a Cuore Rossoblu, raccontando il suo trasferimento dai nerazzurri ai rossoblù. Un ritorno voluto fortemente dal centrocampista belga che ha rifiutato i tanti milioni offerti dalla Cina per lui, per tornare in Sardegna. Ecco le sue parole.

Radja Nainggolan

Le offerte?


"Avevo offerte dalla Cina e avevo bisogno di parlare. Conti mi ha aiutato a capire e ora sono molto contento della scelta che ho fatto. Il Presidente è stato bravo a convincermi".


Potevi guadagnare di più.


"Sticazzi! Ma io non gioco per i soldi. La sensazione più bella che mi accompagna in questi giorni è questa: è come se io non me ne fossi mai andato. Per tutti è come se il resto della mia carriera fosse una parentesi che poi mi ha riportato qui. E in effetti è vero! Io non me ne sono mai andato. Qui ho la famiglia, alcune delle persone che più amo, qui ho fatto le mie vacanze, qui ho mia moglie. Mi hanno sempre voluto bene".


Che momento state attraversando?


"Un disastro perdere Pavoletti - riporta fcinternews - Uno che ti fa 20 gol, che è generoso, che lotta su ogni pallone e per gli altri. E' il vero motivo per cui gioco a calcio. Per me la squadra è come una famiglia. Può accadere qualsiasi cosa, tu le appartieni. Dopo tanti anni di salvezza dobbiamo crescere in mentalità. Perché so che quando giochi per la Champions tutto è più facile. Anche a livello psicologico. Però è questo l'anno del salto, per noi".


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.