​Sono finalmente arrivate le prime parole di Nicolas Nkoulou, difensore del Torino nell'occhio del ciclone dopo il rifiuto della convocazione per la gara con il Sassuolo. La motivazione addotta dal difensore aveva gettato nello scompiglio l'ambiente granata subito dopo l'eliminazione dai preliminari di Europa League con il Wolverhampton.

Nicola Nkoulou


Per Nkoulou si parlava dell'interesse della Roma, poi smentito dalla stessa società giallorossa. Il difensore torna a parlare e lo fa dalle colonne de L'Equipe. Le sue dichiarazioni sono state riportate da Tuttomercatoweb,com: "Sono un uomo leale - ha detto il difensore - onesto e integro. In tutta la mia carriera nessun compagno, allenatore o dirigente ha mai messo in discussione la mia professionalità e tanto meno la mia educazione. Un professionista deve informare il proprio datore di lavoro del proprio lavoro e se non ha le condizioni ottimali per compierlo. Questo è stato rispettosamente fatto con l'allenatore e i compagni di squadra". Nkoulou, poi, rivela un retroscena con una frecciata alla dirigenza granata.


Urbano Cairo


"Per me un uomo si definisce dal rispetto, dalla sua parola. Sfortunatamente ho compreso che gli impegni sono difficili da mantenere, ho preso atto che i dirigenti hanno rifiutato la mia partenza. Fedele ai miei principi, mi rimetto al lavoro senza che questi fatti mettano in pericolo la mia motivazione e la mia professionalità, mi impegno a difendere i colori del Torino perché la sua storia e i suoi tifosi lo meritano" ha concluso Nkoulou.



90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Torino e della Serie A!