​L'​Inter ha risolto il "caso" ​Mauro Icardi solo nell'ultima giornata di calciomercato. L'attaccante è approdato in Francia, al Psg. L’edizione odierna del quotidiano Repubblica analizza quanto è accaduto prima del trasferimento dell'argentino. Angelo Capellini, avvocato dell'Inter, era pronto a replicare colpo su colpo alle accuse lanciate da Maurito basandosi sugli ultimi messaggi tra il calciatore e la società.


Secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica, l'Inter sostiene che sia stato Mauro Icardi a  chiedere di non partire per la tournée asiatica di luglio. In quella occasione è stata creata una chat WhatsApp dalla quale il calciatore era stato escluso. Lo stesso attaccante, inoltre, secondo la versione dell'Inter, avrebbe deciso di non scendere in campo alla Pinetina tra il 1° e il 15 luglio nonostante i tentativi di Oriali e del medico  Alessandro Corsini di convincerlo a rientrare in gruppo. 


L'avvocato del calciatore,  Giuseppe Di Carlo, chiedeva il reintegro di Icardi in gruppo, ma lo stesso attaccante rifiutava di farlo. Sta tutta in questa apparente assurdità, secondo quanto riporta Repubblica, la condizione psicologica in cui si è visto imprigionato negli ultimi anni, ferito dall'essere messo ai margini, sempre più silenzioso con i compagni (salvo pochissimi), determinato a farla pagare alla società passando all'odiata Juve, che ha sì corteggiato Wanda, ma una proposta all’Inter non l’ha fatta.


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.