​Tempo di scelte per i tecnici impegnati nelle competizioni europee. Entro martedì 3 settembre (giorno successivo alla chiusura del calciomercato in gran parte d'Europa) i club che parteciperanno alla Champions League o all'Europa League dovranno consegnare la fatidica Lista UEFA. Un documento con all'interno i dati di 25 (in alcuni casi meno) giocatori che potranno partecipare alle competizioni. Non uno in più (salvo venga inserito nella Lista B, ma ne parliamo più avanti).

Jurgen Klopp

Questo comporta a volte delle scelte importanti, esclusioni eccellenti e inserimenti di giocatori a sorpresa. Capita soprattutto per le squadre con rose abbondanti, impossibilitate ad inserire tutti i giocatori nella Lista UEFA, a causa dei paletti imposti dalla Federazione (anche questo argomento verrà trattato più avanti).


La Lista UEFA si divide in due documenti: la Lista A (quella principale) e la Lista B (quella dedicata ai giovani).


La creazione della Lista A e Lista B


Le società che partecipano ad una competizione europea, Champions o Europa League, dovranno creare e presentare la Lista A, composta da un massimo di 25 giocatori. Ma con delle limitazioni. All'interno della Lista UEFA (A, quella principale appunto) dovranno esserci almeno due portieri e otto giocatori cresciuti nel campionato di appartenenza: di questi otto, quattro devono essere obbligatoriamente cresciuti nel vivaio del club. 


Mohamed Salah

Cosa si intende per cresciuti nel vivaio del club? Sono quei calciatori che sono tesserati e hanno giocato nella squadra per tre anni dai 15 ai 21 anni di età. Naturalmente, per giocatori cresciuti nel campionato di appartenenza si intende quei giocatori che hanno giocatori almeno tre anni dai 15 ai 21 anni d'età in un qualsiasi club del campionato di appartenenza.


Se un club non può rispettare questi paletti imposti dalla UEFA sarà costretto a presentare una Lista A inferiore ai 25 giocatori. Per esempio, se nella rosa di una società sono presenti solamente due giocatori cresciuti nel proprio vivaio, il club in questione dovrà presentare una Lista UEFA di "soli" 23 giocatori, lasciando libere quindi le due caselle dedicate (eventualmente) a calciatori cresciuti nel proprio settore giovanile.


La Lista B è invece dedicata al calciatori nati dal 1 gennaio 1998 (per quest'anno, l'anno prossimo sarà dal 1999 e così via) che hanno giocato per un periodo continuo di due anni dai 15 anni d'età in poi nel club.


Inserimenti a campionato in corso


La sessione invernale di calciomercato spesso porta novità nelle società. Tra queste potrebbero esserci acquisti o cessioni importanti che necessitano di essere tolti e/o inseriti nella Lista UEFA. C'è la possibilità di inserire nella Lista anche i giocatori che hanno disputato una delle due competizioni europee con altri club con una sola limitazione: non è possibile iscrivere più di tre nuovi calciatori.


Date di consegna della Lista UEFA


La Lista A deve essere inviata alla UEFA entro martedì 3 settembre, prima però dovrà passare dalla Federazione locale (per le italiane, la FIGC) che dovrà verificare e convalidare, prima di inoltrarla alla UEFA. Invece la Lista B viene solitamente preparata ad inizio stagione ma deve essere consegnata alla vigilia di ogni partita.


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della ​Serie A.