​In casa ​Inter il nome caldo per l'attacco resta sempre quello di Romelu Lukaku, nelle ultime settimane accostato anche alla Juventus che avrebbe iniziato ad abbozzare i discorsi con il Manchester United per intavolare un eventuale scambio con Paulo Dybala. Ci sono almeno tre motivi per cui il club nerazzurro dovrebbe mettere le mani sul bomber belga.


FBL-ICC-CHN-ASIA-JUVENTUS-INTER


PRECISA RICHIESTA DI CONTE - L'attaccante dello United è una precisa richiesta di Antonio Conte al club, l'attaccante da tempo individuato come prototipo del centravanti ideale dal tecnico salentino. E, visti i primi segnali positivi arrivati dalle amichevoli nerazzurre tra Svizzera e Asia, l'ex c.t merita ora di avere a disposizione l'attaccante dei desideri. 


BISOGNO URGENTE - Conte lavora da tre settimane senza un attaccate che reputa centrale nel progetto: nelle prime uscite è stato costretto ad inventare Perisic come seconda punta e ad affidarsi al giovane e promettente Esposito e agli aggregati Colidio, Longo (in partenza) e Vergani. C'è il bisogno urgente di regalare un attaccante al tecnico per permettergli di lavorare con più intensità anche sulla fase offensiva.


FBL-ASIA-ICC-SGP-MAN UTD-INTER


DIMOSTRAZIONE DI FORZA - L'inserimento della Juventus è sicuramente strategico e mediatico, forse anche reale: va ricordato che i bianconeri, prima di prendere un vero 9, sono costretti a sfoltire il parco attaccanti che vede ancora in rosa (in quel ruolo) i vari Higuain, Mandzukic, Kean, Dybala e CR7, utilizzato da esterno in queste prime uscite. Prendere Lukaku (magari prima di vendere Mauro Icardi) sarebbe una dimostrazione di forza economica e di  grande appeal per il club du Suning, che trasmetterebbe così in mondovisione - visto le dimensioni della trattativa con lo United - questi valori nonostante lo scottante caso interno dell'argentino ed il fastidioso inserimento della rivale di sempre. 


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.