FBL-ITA-SERIEA-NAPOLI-CAGLIARI

I tre motivi per cui Insigne non sarà mai amato da tutti i napoletani

Lorenzo Insigne, contro il Liverpool, anche se in amichevole, ha disputato una grande partita. In tanti gli stanno facendo i doverosi complimenti. Il "Magnifico" li meriterebbe sempre e a prescindere per le sue qualità, ma purtroppo temiamo che non sarà mai amato completamente da tutti i napoletani.

1. Nessuno è profeta in patria

Per ritrovare un napoletano davvero amato da tutti i tifosi, bisogna tornare ai tempi di Bruscolotti. Paolo Cannavaro, come Insigne, è stato addirittura fischiato dalla sua gente. Nemmeno Ciro Ferrara e Fabio Cannavaro, due grandissimi napoletani, sono amati da tutti, ma per motivi precisi (il loro approdo alla Juventus, ndr).

2. Eccessive pretese

Lorenzo Insigne avrà una pressione sempre superiore agli altri perché è napoletano. Il "Magnifico", in una recente intervista, si è sfogato così: "Noi siamo esseri umani. I fischi e le critiche ci fanno male. Noi leggiamo e ascoltiamo tutto, avremmo bisogno di supporto". 

3. Insigne è nato in provincia

Nel 2019, purtroppo, c'è ancora chi giudica un uomo dalla sua provenienza geografica. Sui social, ma anche allo stadio capita di sentire commenti volgari su Insigne perché "colpevole" di essere nato in provincia. Lorenzo, invece, ha dimostrato che proprio dalla provincia, a volte, nascono le vere eccellenze di Napoli!