Le 5 coppie padre-figlio più famose della storia del calcio

Nei giorni scorsi Il Borussia Monchengladbach ha acquistato Marcus Thuram, figlio di Lilian, il leggendario difensore francese che ha indossato le maglie di Parma e Juventus. La storia del calcio è fatta di tanti altri figli d'arte: ecco le 5 coppie padre-figlio più famose!

5. Peter e Kasper Schmeichel

Se fai lo stesso ruolo di tuo padre, che è stato tra i migliori portieri della storia del calcio moderno, rischi di dover convivere con una pressione notevole rispetto al normale. Ma Kasper Schmeichel è comunque riuscito a fare un'ottima carriera mettendo a segno, tra l'altro, un'impresa storica, ovvero la vittoria della Premier League con il Leicester. Un traguardo che ha sicuramente riempito d'orgoglio papà Peter.

4. George e Timothy Weah

Con la vittoria del Pallone d’oro nel 1995 George Weah si è consacrato nell'elite del calcio europeo. Anche il figlio dell'attuale presidente della Liberia, Timothy, ricopre lo stesso ruolo: il talentino americano, classe 2000, si è recentemente trasferito dal PSG al Lille per circa 10 milioni di euro. 

3. Cesare e Paolo Maldini (+ Daniel)

Da padre in figlio, una vera e propria dinastia. La famiglia Maldini ha scritto la storia del Milan e del calcio mondiale. Prima papà Cesare, poi Paolo. E adesso occhi puntati al futuro, poiché il figlio di Paolo, Daniel (classe 2001), ha giocato titolare nell'ultima sfida amichevole disputata dal club rossonero contro il Bayern Monaco. 

2. Mazinho, Thiago e Rafinha

In questo caso siamo di fronte ad un vero e proprio trio. Perché Mazinho, ex Lecce e Fiorentina nonché campione del mondo nel 1994 con la maglia del Brasile, ha dato alla luce due campioncini. Entrambi i suoi figli, infatti, giocano da anni ad alti livelli. Thiago Alcantara milita nel Bayern Monaco, mentre Rafinha (ex Inter) è di proprietà del Barcellona. 

1. Patrick e Justin Kluivert

L'ultima coppia, per una questione anagrafica, è quella formata da Patrick e Justin. Due talentini precoci che sono cresciuti nella straordinaria cantera dell'Ajax. Il padre è stato, ai suoi tempi, il giocatore più giovane di sempre ad aver segnato in una finale di Coppa dei Campioni (aveva 18 anni, contro il Milan, ndr). Anche Justin, comunque, non è stato da meno, perché l'anno scorso è diventato il giocatore più giovane ad aver segnato con la maglia della Roma in Champions League.