​Milan ​Inter, come è noto, hanno presentato il progetto del nuovo stadio nell'area di San Siro. Secondo quanto riporta Tuttosport, tuttavia, le cose non sono poi così semplici. C'è il rischio che iComune si affidi a degli avvocati per verificare se l'abbattimento del Meazza sia realmente fattibile. Il dibattito, come ha ribadito anche il sindaco Sala, sarà anche e principalmente politico perché uno stadio come San Siro ha un ruolo importantissimo nella città.


I due club hanno fretta, vogliono operare soprattutto alla realizzazione dell'area commerciale,  quella cioè destinata a centri, hotel, e area congressi. Il problema a oggi, come riporta la redazione di calciomercato.com, è che la normativa nazionale e quella comunale è contrastante. La Legge Stadi seguita da Inter e Milan concede una cubatura doppia rispetto a quella che prevede il Piano di Governo del Territorio a cui fa riferimento il comune. 


La costruzione del distretto polifunzionale avrà delle logiche conseguenze anche sulla viabilità. L'associazione degli abitanti, inoltre, potrebbe dar luogo a dure proteste anche se Milan ed Inter hanno assicurato che lo stadio avrà delle  moderne tecniche di insonorizzazione. Il problema più grande sembra essere quello relativo alla viabilità di Via Tesio e non solo. Saranno fondamentali delle modifiche che riguarderanno sia piano regolatore che la convenzione urbanistica con la logica conseguenza di allungare i tempi.


Da oggi 90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milandell'Inter e della Serie A!