Durissimo attacco dell'Atletico Madrid contro il Barcellona nell'ambito dell'operazione che dovrebbe portare Antoine Griezmann in maglia catalana dopo l'addio ufficiale ai Colchoneros di Diego Simeone


La società rojoblanca ha infatti pubblicato un comunicato che spiega i comportamenti illeciti de​i blaugrana, rei di aver trattato il giocatore nel bel mezzo della stagione (quindi fuori dai parametri di legittimità per le trattative con calciatori ancora tesserati). 


Questa la nota apparsa sul sito dei Colchoneros: 


"In merito alle dichiarazioni del presidente del Barcellona sul nostro giocatore Antoine Griezmann, l'Atletico Madrid vuole esporre pubblicamente quanto segue: il 14 maggio Griezmann ha comunicato a Miguel Angel Gil, Diego Simeone e Andrea Berta la sua decisione di abbandonare la squadra a fine stagione. 

Nei giorni successivi, l'Atletico Madrid è venuto a conoscenza che il giocatore e il Barcellona avevano raggiunto un accordo nel mese di marzo, in sostanza nei giorni dopo la nostra partita eliminatoria contro la Juventus, così come che stavano negoziando le condizioni dell'accordo già da metà febbraio. In riferimento alle dichiarazioni odierne di Bartomeu, vogliamo specificare che sì, è vero che ieri è andata in scena questa riunione, chiesta dal Barcellona, in cui il signor Grau manifestava la sua intenzione, una volta saputo che la clausola passava da 200 a 120 milioni, di pagare la quota prevista dal primo luglio

Con tutta evidenza la risposta dell'Atletico Madrid è stata negativa, sottolineando come sia il Barcellona che il giocatore abbiano mancato di rispetto all'Atletico Madrid e a tutti i suoi tifosi. Come conseguenza di tutto ciò, nel giorno di oggi, l'Atletico Madrid ha chiesto al giocatore, e a sua sorella nel ruolo di sua procuratrice, che Antoine Griezmann, come da obblighi contrattuali con il nostro club, si presenti domenica per cominciare la preparazione alla stagione assieme al resto dei suoi compagni. 


Con questo comunicato, l'Atletico vuole esprimere la sua più energica repulsione per il comportamento di entrambi, specie del Barcellona per aver indotto il giocatore a rompere il vincolo contrattuale in un momento della stagione durante il quale il club si stava giocando non solo la Champions con la Juve, ma anche il titolo della Liga con lo stesso Barca, qualcosa che va oltre i periodi del mercato e altera le norme basiche che regolano l'integrità delle competizioni sportive, oltre a pregiudicare in modo enorme il nostro club e i suoi milioni di tifosi''.


90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.