Sono finiti i tempi in cui i tatuaggi venivano etichettati come una cosa negativa: al giorno d'oggi la maggior parte delle persone ne ha almeno uno. Non sono esenti da tale discorso anche i grandi calciatori, che ovviamente hanno la possibilità di affidarsi ai migliori professionisti che spesso e volentieri realizzano, sui loro fisici palestrati e statuari, vere e proprie opere d'arte.

Tra i fuoriclasse che presentano un numero notevole di tatuaggi non possiamo non citare ​Zlatan Ibrahimovic. L'attaccante svedese, nel corso della sua carriera, non ha coltivato soltanto la passione per il calcio ma anche quella per i tatuaggi. Nonostante la grande popolarità di Ibra, comunque, non tutti conoscono il significato dei suoi tattoos.

Al momento l'attaccante gioca nei Los Angeles Galaxy ma ha militato in tantissime big mondiali come Ajax​Juventus​Inter, Barcellona​Milan e Manchester United. Oltre, ovviamente, ad essere stato per molto tempo tempo un vero e proprio pilastro della nazionale svedese.

Partiamo dalla mano destro, dove Ibra presenta le date di nascita dei suoi genitori, fratelli e figli. Questo tatuaggio è stato definito il "Codice Ibrahimovic". Lo svedese ha sempre affermato di essere un grande cristiano e tale fede, unita alle sue convinzioni, ha dato vita al tatuaggio che si trova sulle costole, sul lato sinistro, dove possiamo notare la scritta in inglese "Solo Dio può giudicarmi". Al tempo stesso Zlatan ha ereditato anche la fede musulmana  come manifestato dal tattoo in lettere arabe del tricipite destro e dalle rune maori che si estendono dalla spalla al gomito.

Tra i tatuaggi che richiamano maggiormente l'attenzione ci sono quelli che coprono la parte posteriore del corpo di Ibrahimovic. Uno dei primi, in ordine cronologico, è stato fatto nella zona sinistra: un pesce Koi di circa 20 centimetri, simbolo di non conformità e forza (nuota controcorrente, ndr) tipico della mitologia cinese. Non indifferenti anche altri tattoos come "L'uomo vitruviano" di Leonardo Da Vinci, uno yantra e una piuma indigena.

Nella zona centrale possiamo osservare cinque deva, ovvero divinità benevoli dell'induismo. Queste rappresentano il vento, l'acqua, il fuoco, la creatività e lo spazio che danno senso di  protezione fisica. Nelle costole, invece, è rappresentato un grande drago rosso, creatura mitologica che si prende cura della vita degli umani ed è anche considerato un simbolo di fortuna. Accanto al drago, inoltre, è possibile notare un asso di cuori e uno di spade, altri segnali che confermano quanto Ibrahimovic sia superstizioso e creda nel caso/destino.

Nonostante la grandissima carriera da calciatore anche Ibrahimovic ha vissuto momenti alcuni difficili. Un paio di tatuaggi li ha dedicati proprio a tali situazioni non positive. Il leone tatuato sulla schiena è legato alla frattura del legamento crociato accaduta durante la parentesi ai Red Devils. Ibra ha spiegato che "i leoni non si riprendono come gli umani, sono più forti". insieme a questo, nella parte inferiore, si è tatuato "la posizione dell'Indo", con una stella a cinque punte. Questa è considerata fin dall'antichità come una portatrice di qualità straordinarie, simbolo della totalità, dell'unione terrestre e celeste, dal maschile al femminile.


Ibrahimovic, con disinvoltura, ha anche tatuato i suoi glutei mettendo un paio di mandala, un motivo geometrico indù che per molti secoli è stato considerato un amuleto di protezione. Memorabilissima, invece, l'iniziativa portata avanti nel 2015. Durante la partita tra PSG e Caen lo svedese si tolse la maglietta per esporre un sacco di tatuaggi inediti presenti su tutto il suo corpo. Dietro tale gesto ha successivamente spiegato, tramite il suo account Facebook, che ci fosse un significato nobilissimo. Zlatan si è fatto scrivere, temporaneamente, 50 nomi tra gli 805 milioni di persone che hanno sofferto e sono morte di fame nel mondo sostenendo il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite



Da oggi 90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della​ Serie A!