Vic Buckingham è il numero 49 nella lista dei 50 più grandi allenatori di tutti i tempi stilata da 90min. Segui il resto della serie nel corso delle prossime 10 settimane.

​Qui puoi trovare il racconto di Davide Martini sulla carriera del tecnico inglese.


Victor Frederick Buckingham, per tutti Vic, è stato uno degli allenatori più sottovalutati nella storia del calcio mondiale, ancora di più pensando all'originalità delle sue idee tattiche, destinate poi a rivoluzionare il football di tutti i tempi, improntate sul calcio totale.


Sottostimato, se non denigrato, nella sua Inghilterra, Buckingham fece grande l'Ajax dei giovani all'alba dell'era Cruijff, passando poi anche per Barcellona.


Ecco la Top 11 dei giocatori più forti allenati in carriera dal tecnico di Greenwich.​


Portiere e difensori

Len Millard,Stuart Williams,Jimmy Sanders,Joe Kennedy

Salvador Sadurni - Catalano doc, Sadurni detiene tutt'oggi il record di annate consecutive per un portiere del Barcellona, avendo difeso la porta blaugrana tra il 1960 e il '76, per 247 partite totali. Tra le quali, ovviamente, la storica finale di Copa del Re '71 vinta 4-3 contro il Valencia, l'unico trofeo vinto in Catalogna da Buckingham.


Jimmy Dudley - Anche in questo caso siamo di fronte a un record, perché il roccioso centrale, anzi stopper per usare un vocabolo dell'epoca, ha disputato 166 partite consecutive con il West Bromwich Albion, primato ancora imbattuto nella storia del club. Buckingham non seppe mai rinunciare a lui durante l'annata 1953-'54, conclusa con la vittoria della FA Cup e il successo sfiorato in campionato.


Wim Anderiesen Jr. - Scomparso nel 2017, figlio d'arte (il padre, omonimo, fu un forte calciatore negli anni '20-30), Wim Jr. è stato una bandiera dell'Ajax tra il 1951 ed il '61, punto di forza della difesa dell'era Buckingham. Il tutto dopo aver preso parte alla seconda guerra Mondiale nel 1945 nell'esercito tedesco.


Len Millard - Impossibile non citare la bandiera per eccellenza dei Baggies, l'idolo dei tifosi del West Bromwich di ogni generazione. Tra il 1946 ed il '58 436 presenze con il club, l'unico della carriera, record ancora imbattuto. Simbolo dell'epoca più gloriosa della squadra, fu l'allenatore in campo della formazione di Buckingham non solo nella magica annata del 1954.


Centrocampisti

Ray Barlow - Altra bandiera del WBA. Barlow giocò per i Baggies per 17 anni, arrivando nel 1944 con il club in seconda divisione. La scalata fino al trionfo in FA Cup dieci anni dopo fu compiuta anche grazie alle sue qualità tecniche e alla sua intelligenza tattica da centrocampista centrale adattabile anche al ruolo di mezzala. Insostituibile per Buckingham.


Bennie Muller - Una delle scoperte di Buckingham, che prima lo introdusse in prima squadra nel 1959 e poi da titolare appena insediatosi alla guida del club, facendone l'architrave del centrocampo. Con i Lancieri fino al 1970, è stato anche una colonna dell'Olanda con cui ha giocato 43 partite fino al 1968, quattro delle quali da titolare.


Gallego - Difensore o centrocampista,Francisco Fernández Rodríguez, per tutti Gallego, può essere considerato uno dei simboli del calcio di Buckingham, proprio per la sua capacità di interpretare più ruoli senza flessioni di rendimento. Bandiera del Barça per 10 anni, tra il 1965 e il '75, ha indossato la maglia della Spagna per sette anni fino al 1973.


Frank Griffin - Ecco l'uomo del destino, l'autore del gol-vittoria nella finale di FA Cup del 1954 tra WBA e Preston North End. Classico esterno di centrocampo, per usare un termine moderno, dotato di velocità, tecnica e senso del gol, Griffin approdò ai Baggies a 23 anni nel 1951, diventandone presto una colonna insostituibile. La sua carriera si interruppe però bruscamente nel 1958 a causa di una gravissima, doppia frattura alla gamba.


Trequartista

Johan Cruyff - In verità i due sono stati insieme ben poco, vista da una parte la breve permanenza di Buckingham sulla panchina dei Lancieri, dall'altra la giovanissima età del futuro Poeta del Gol durante l'era del tecnico inglese ad Amsterdam. Ma quando due geni con le stesse idee si stringono la mano, l'incontro non può che essere fortunato, per entrambi. Buckingham è stato il padre del calcio totale in Inghilterra, nonché il primo ad estendere il concetto nell'Ajax e nel Barcellona, le due squadre più "glamour" della storia del calcio. E la conoscenza con Vic avrebbe segnato anche il percorso da tecnico di Cruijff.

Johan Cruyff


Attaccanti

Allan Clarke - L'esperienza di Buckingham al Fulham non è stata certo memorabile, ma tra i giocatori allenati a Craven Cottage spicca il nome della futura bandiera del Leeds, dove sarebbe arrivato nel 1969 per rimanervi dieci stagioni e vincere tanto: due titoli nazionali e una Coppa delle Fiere. In precedenza, 45 gol in 86 presenze con il Fulham, chiaro segnale di scaltrezza e senso del gol.


Henk Groot - Attaccante rapido e prolifico, Groot è stato la bocca da fuoco dell'Ajax con cui Buckingham vinse l'unico titolo nazionale della propria carriera da tecnico. Impressionante lo score del bomber con la maglia dei Lancieri: 116 reti in 124 partite. Dopo una parentesi al Feyenoord fu proprio Mister Vic a rivolerlo ad Amsterdam quando tornò sulla panchina dell'Ajax. In carriera ha vinto 5 titoli olandesi, quattro dei quali con i biancorossi.