​Ennesimo colpo di scena sul caso ​Neymar. Lo studio legale della ragazza che aveva accusato il fuoriclasse brasiliano di stupro, stando a quanto riportato da sport Mediaset, avrebbe dichiarato di aver rinunciato al mandato. La motivazione sembra abbastanza chiara: la richiesta iniziale non sarebbe stata quella di violenza sessuale bensì di aggressione.  


La donna in questione, stando alle ultime ricostruzioni, avrebbe riferito che inizialmente il rapporto avuto con Neymar Jr. sia stato consensuale ma che durante l'atto il giocatore sia successivamente diventato violento”. Una versione che combacia con quella dell'attuale attaccante del Paris Saint-Germain, il quale, tramite il proprio profilo Instagram, ha anche postato alcuni screen della conversazione avuta in chat con la ragazza (e annesse foto intime). 

Secondo quanto riportato da Globoesporte la situazione, inizialmente definita, sarebbe precipitata a causa del comportamento di Neymar, che avrebbe minimizzato l'accaduto scatenando, di fatto, la reazione dell'ex legale della ragazza. I rapporti medici dell'ospedale, a tal proposito, sembrano in linea con la prima denuncia, poiché si parla di aggressione e non di violenza sessuale. Dunque la svolta odierna non va sicuramente sottovalutata. 


Da oggi 90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della ​Serie A!