FBL-EUR-C3-ARSENAL-NAPOLI

I tre motivi che porteranno Ancelotti a rifiutare la Juventus e restare al Napoli

La Juventus è alla ricerca di un allenatore. Max Allegri andrà via a fine stagione, come ufficializzato dalla società e nei papabili nomi per chi succederà al toscano, non solo Maurizio Sarri, Pochettino, Guardiola, ma anche Carlo Ancelotti, richiesto da Cristiano Ronaldo .


Il tecnico del Napoli  però, ha smentito categoricamente ieri, dopo il match vinto contro l'Inter. Il suo futuro è azzurro.


Ecco i 3 motivi del perché, il nativo di Reggiolo, non accetterà di lasciare la compagine partenopea e accasarsi con la Vecchia Signora.

1. Il passato

Carlo Ancelotti, nel biennio 1999-2001, è stato allenatore della Juventus. Un periodo non proprio felice per il tecnico che nell'avventura con i bianconeri, non solo non vinse nulla, ma il rapporto con i tifosi, che contestarono la scelta di prenderlo sulla panchina, non fu mai pacifico e civile.


Non sarà diverso questa volta. Quindi, Ancelotti, anche per questo, non accetterà di andare alla Juventus.

2. La passione del Napoli e dei napoletani

Non si aspettava una città così calorosa, un pubblico straordinario, ma soprattutto una vita che gli poteva piacere. A Napoli, Ancelotti ha trovato tutto, soprattutto dopo gli anni di Londra e Monaco di Baviera, con poco sole, senza vista mare e poca passione.


Anche per questo, Ancelotti, ha deciso di tornare in Italia e continuare la sua avventura a Napoli dopo questa prima stagione: cercare di vincere un trofeo con questa splendida città.

3. Il progetto e le ambizioni

Carlo Ancelotti, dopo anni all'estero e dopo aver vinto tutto e tanto, è tornato in Italia per vincere di nuovo anche nella nostra penisola.


Il progetto e le ambizioni del presidente De Laurentiis sono piaciute al 59 enne che ora, vuole vincere con questa società. Anche per questo, il tecnico, non accetterà di andare via.


Dopo questo campionato chiuso al secondo posto e con i quarti di Europa League, Ancelotti tenterà di vincere qualcosa e poi, forse, potrà essere soddisfatto del suo cammino in azzurro. Conoscendo il suo modo di fare e la sua caparbietà, non perderà nulla per la strada.