In attesa di conoscere il risultato dell'Atalanta, il ​Milan ha fatto il suo compito battendo, seppur con alcune difficoltà, un ​Frosinone retrocesso e senza stimoli ma comunque ben organizzato. La squadra si è imposta con il risultato di 2-0 ed è tornata momentaneamente al quarto posto in classifica. Ma ripercorriamo i momenti clou dell'incontro.   


PRIMO TEMPO - Nella prima frazione di gioco il Milan prova a fare la partita ma il Frosinone è ben organizzato e concede poche occasioni da goal agli avversari. La squadra rossonera si fa vedere con alcune iniziative di Suso e con un tiro al volo di Bakayoko (30'), ma fa fatica a rendersi realmente pericolosa in fase realizzativa. Il primo tempo, di fatto, termina 0-0


SECONDO TEMPO - Ad inizio ripresa grande brivido per il Milan. Al 48' Abate atterra Paganini in area e l'arbitro fischia il calcio di rigore in favore dei ciociari. ​Donnarumma, tuttavia, salva la sua squadra respingendo la conclusione dal dischetto di Ciano

​​La prodezza del portiere rossonero sveglia la compagine di Gattuso che al 57' riesce a sbloccare la sfida: cross di ​Suso dalla destra, Borini calcia debolmente in porta e Piatek, da posizione ravvicinata, corregge il tiro in rete siglando l'1-0.

Al 60' i padroni di casa chiudono la pratica: Suso trasforma una punizione deliziosa con una conclusione chirurgica che termina sotto la traversa e non lascia scampo a Bardi

Il Milan chiude con il risultato di 2-0 e adesso non può che sperare nella vittoria della Juventus contro l'Atalanta, in modo da portarsi a soli tre punti dal quarto posto matematico. Qualora la Dea non dovesse almeno pareggiare con i bianconeri, infatti, ai rossoneri basterebbe vincere l'ultima gara per qualificarsi in Champions League. Buona partita, comunque, del Frosinone, che ha onorato la sfida nonostante la retrocessione ormai risaputa e la mancanza di obiettivi. 


Da oggi 90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del ​Milan e della ​Serie A!