​Un discorso del genere qualche mese fa sarebbe stato irrealistico. Ma nel calcio le situazioni sono in continua evoluzione e spesso le idee delle società cambiano da un mese all'altro. È il caso del Siviglia e di André Silva. L'attaccante portoghese in prestito agli spagnoli ma di proprietà del ​Milan non verrà riscattato. L'ex Porto dopo un buon inizio di stagione si è lentamente spento tanto da costringere il Siviglia a cambiare idea. 


Il Siviglia ha infatti comunicato all'agente di André Silva, Jorge Mendes, l'intenzione di non esercitare il diritto di riscatto fissato a 39 milioni di euro. Troppi per un calciatore che non ha dimostrato continuità. La palla a questo punto passa al Milan. I rossoneri hanno tre opzioni:


  • concedere uno sconto agli spagnoli;
  • tenersi il giocatore;
  • cederlo ad un altro club in estate.


FBL-LIGA-ESP-HUESCA-SEVILLA

​Attenzione anche alla volontà di André Silva. Il portoghese tornerebbe a Milano solo per un ruolo da protagonista. Non accetterebbe un ruolo da riserva di Piatek e Cutrone. Per questo motivo, ad oggi (salvo cambi tattici che potrebbero aprire a nuove soluzioni anche per il portoghese), il futuro del calciatore è lontano da Milanello. Nelle prossime settimane è fissato un appuntamento tra il Milan e Jorge Mendes. Quest'ultimo è già al lavoro per trovare una soluzione. Non mancano le offerte per il portoghese, anche se sarà difficile accontentare le richieste rossonere che non intendono accettare offerte sotto i 35 milioni di euro.


Secondo quanto riporta calciomercato.com, Jorge Mendes è pronto a mettere sul tavolo almeno due offerte dall'estero: una è quella del Monaco e l'altra è quella del Wolverhampton, l'agente portoghese gode di un ottimo rapporto con entrambi i club. Ma non è escluso l'inserimento di altre società di Premier League.


Da oggi 90min sbarca su Telegram: iscriviti al nostro canale per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del ​Milan e della ​Serie A.