Luka Modric,Borja Fernandez

Calcio estero: il resoconto dei 6 principali campionati europei

Due situazioni di parità e una con un testa a testa tra due squadre divise da appena un punto. Si presenta così il quadro dei principali campionati europei a due mesi e poco più dalla fine della stagione.

Come dire, ci sarà da divertirsi in primavera, almeno in base alla fortuna in Champions delle squadre coinvolte nelle volatone.


E come se non bastasse crescita la curiosità per il nuovo-vecchio Real Madrid diretto da Zizou.

1. Premier: che bagarre per terzo e quarto posto

Sette gol in due e vittorie agevoli per Manchester City e Liverpool, seppur diverse. La squadra di Guardiola domina il Watford dall'inizio, i Reds vanno sotto con il Burnley e poi si riscattano, segnali del diverso stato di forma delle due squadre.


Le notizie vengono dalla lotta ai posti Champions, dove sorride solo l'Arsenal, l'unica a vincere del quartetto: Emery liquida il Manchester United nello scontro diretto (primo ko in campionato dell'era Solskjaer), ma né il Tottenham, ko a Southampton, né il Chelsea, che fa 1-1 con il Wolverhampton, riescono ad approfittarne e la classifica resta molto corta.

2. Liga: ZZ, pensaci tu

Vincere e venire esonerati è un "privilegio" per pochi. Santiago Solari ha concluso la propria breve esperienza sulla panchina del Real con un successo, seppur in rimonta e poco brillante, contro il Valladolid. 


Ora si torna all'antico, non nel senso di Lopetegui, bensì di Zidane, che si prepara a fare una sorta di traghettatore di se stesso, visto che il nuovo contratto andrà fino al 2022 e che il vincitore delle ultime tre Champions è parso già focalizzato sulla prossima stagione. Per tenere viva quella attuale basterebbe centrare il secondo posto, quello che permetterebbe di giocare la nuova formula della Supercoppa spagnola


Per sperare, il Real farà bene a... tifare contro la Juventus, perché l'eventuale eliminazione dei Colchoneros rischierebbe di essere un vantaggio per la squadra di Simeone, che a quel punto penserebbe solo al campionato. Intanto i Colchoneros vincono e convincono, come il Barcellona. Il Getafe rafforza il quarto posto.

3. Bundesliga: Bayern, rimonta completata

Il Bayern completa la rimonta sul Borussia Dortmund passando in vantaggio sul piano della differenza reti, discriminante decisiva in caso di parità per l'assegnazione del Maisterschale.

Parità che persiste dopo il 3-1 della squadra di Kovac al Wolfsburg e il 3-1 del Borussia allo Stoccarda. 


Intanto è sempre più accesa la corsa a terzo e quarto posto con cinque squadre in lizza: il borsino vede in risalita le quotazioni di Moencheldbach e Eintracht.

4. Ligue 1: Marsiglia inarrestabile

Benedetto rinvio per la giornata di Ligue 1 del Psg, ancora alle prese con lo shock per l'eliminazione dalla Champions contro lo United. 


La gara contro il Nantes è stata posticipata, eppure in attesa di capire la data del recupero, la squadra di Tuchel aumenta il vantaggio, almeno sul Lione, terzo a -21 con il Psg che ha anche due partite da recuperare. 


Non basta Falcao al Monaco (la classifica resta precaria), mentre basta Balotelli al Marsiglia: il gol dell'ex contro il Nizza rafforza il quarto posto.

5. Eredivisie: aspettando lo scontro diretto...

 

L'Ajax celebra l'impresa del "Bernabeu" travolgendo per 4-0 il mal capitato Fortuna Sittard: ancora protagonisti Neres e Tadic, autori di una doppietta a testa. Vince però anche il Psv, 4-0 al NAC e i punti di vantaggio restano cinque, tanti quanti prima che i Lancieri chiedessero il rinvio della gara che si giocherà martedì 13 contro lo Zwolle di Jaap Stam. 


In ogni caso i punti di vantaggio non sono né tanti, né pochi e il 31 marzo c'è lo scontro diretto della verità alla "Cruyff Arena".

6. Primeira Liga: niente fuga per il Benfica

La Champions mette le ali, ma soprattutto fa spuntare... braccini agli avversari. Il primato in classifica del Benfica è durato una settimana dopo il pareggio delle Aquile contro il Belenenses, un brutto 2-2 con gli ospiti capaci di rimontare da 0-2, ha fatto la fortuna del Porto, passato 2-1 sul campo del Feirense sulle ali dell'entusiasmo del 3-1 alla Roma e ora appaiato in classifica agli eterni rivali.


Possibile soluzione in extremis, ma sorride anche il Braga che regola di misura il Guimaraes e si porta a -5 dalla coppia di testa.