Intervistato dai microfoni di Sky Sport nel post partita di Sassuolo-Napoli, gara valida per la 27ª giornata del campionato di Serie A, l'attaccante azzurro Lorenzo Insigne (autore del meraviglioso goal del pareggio) ha parlato della sfida terminata sul punteggio di 1-1 contro gli emiliani.

FBL-ITA-SERIEA-SASSUOLO-NAPOLI

​Queste le sue parole: 


"Il pari va bene per come si era messa, anche se ci va un po’ stretto. Non siamo stati molto cattivi e abbiamo avuto poca personalità. Al fischio finale ero un po’ provato per il risultato, io vorrei sempre vincere come tutta la squadra. Abbiamo reagito bene per recuperare, ma la vittoria non è arrivata. Ora pensiamo al Salisburgo. Il 3-0 non ci può far stare tranquilli perché al San Paolo hanno comunque saputo metterci in difficoltà nel finale. Siamo fiduciosi del gruppo, chi sostituirà Maksimovic e Koulibaly non li farà rimpiangere, l’importante è metterci la cattiveria giusta

Vengo sempre criticato. Non voglio essere polemico ma sono l’unico ad essere preso di mira non appena non segno o non mi esprimo a livelli alti. Mi fa male questa cosa, ma lavoro sempre per crescere e tornare al mio meglio. Il Milan si avvicina? Noi facciamo il nostro campionato come ogni anno, ad inizio stagione ci davano tutti per spacciati e invece siamo dietro alla Juventus. Abbiamo perso dei punti, ma l’importante è non mollare”.