Sin dalle sue prime apparizioni in maglia rossonera, vuoi per l'impatto straordinario a livello realizzativo, vuoi per essere entrambi provenienti dall'est-Europa, il nome di Krzysztof Piatek è stato spesso accostato a quello di Andriy Shevchenko. Chiaramente si tratta di un paragone scomodo, visto che l'attaccante ucraino ha avuto una carriera gloriosa e trascinato il ​Milan sul tetto d'Europa, ma di recente anche l'ex numero 7 ha elogiato l'attuale bomber rossonero. 


Intervistato ai microfoni di DAZN, infatti, il Re dell'Est si è soffermato ad analizzare il rendimento attuale ma anche il grande potenziale di Piatek: “Questo dono calcistico di leggere benissimo la situazione sicuramente giocando qui in Italia lo aiuterà tanto. Ha tanta potenzialità di crescere ancora. Lui calcia benissimo, mi piace ogni volta quando si gira, stoppa il pallone molto bene per provare subito dopo a finire l'azione”. 

Un'investitura non indifferente per il centravanti polacco, soprattutto perché arrivata da uno degli attaccanti che ha scritto alcune delle pagine più belle della storia del club rossonero. Il ​Milan, dunque, può sfregarsi le mani: forse la compagine attualmente allenata da Gennaro Gattuso ha finalmente trovato il suo bomber del presente e del futuro. Con il benestare di un certo Shevchenko.