​Nel giro di 24 ore l'Atalanta ha sorpreso tutti mettendo a segno un colpo veramente importante. La società bergamasca, dopo una trattativa lampo, è riuscita ad assicurarsi le prestazioni sportive di Duvan Zapata sulla base di un prestito biennale (12 milioni di euro) con diritto di riscatto fissato a 14 milioni di euro. Un colpo decisamente interessante per una squadra che a questo punto è destinata, come già accaduto l'anno scorso, a ricoprire un ruolo da protagonista non soltanto nel prossimo campionato di Serie A ma anche in Europa League


Ecco il comunicato ufficiale reso noto dall'Atalanta tramite il proprio sito web: Atalanta B.C. comunica di aver acquisito dall'U.C. Sampdoria il calciatore Duván Zapata in prestito biennale con diritto di opzione. Duván Zapata è nato a Calì l'1 aprile 1991. Nazionale colombiano, attaccante potente e di grande temperamento, è cresciuto nell'America de Calì con cui da giovanissimo vince un titolo, prima di trasferirsi in Argentina all'Estudiantes. In Italia dal 2013, ha vestito le maglie di Napoli, Udinese e Sampdoria, realizzando in totale 45 gol, di cui quattro tra UEFA Champions League e UEFA Europa League, e vincendo una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. Nella sua prima stagione italiana, ha esordito in Europa con il Napoli segnando all'Olympique Marsiglia alla sua seconda presenza in UEFA Champions League. Poi l'esperienza all'Udinese e il passaggio alla Sampdoria con cui nell'ultima stagione ha realizzato 11 reti in campionato. Con la nazionale della Colombia ha disputato le qualificazioni ai Mondiali 2018. BENVENUTO DUVÁN!

Il giocatore colombiano, attraverso il proprio account Instagram, ha salutato la Sampdoria e i suoi ex tifosi con grande affetto: La scorsa estate è stata molto delicata per me, il mio futuro era incerto, ma volevo a tutti i costi tornare a sentirmi speciale. Poi è arrivata la Sampdoria che ha creduto in me e mi ha dato la possibilità di dimostrare chi sono. Ho conosciuto una splendida città, un mister e dei compagni che mi hanno sempre sostenuto, tanta gente che mi ha voluto bene, che mi ha fatto sempre sentire importante e continua a farlo con tantissimi messaggi che mi arrivano in questi giorni. Un affetto che ho sempre voluto ricambiare con il mio impegno in campo e i miei gol. Per Genova , la Samp e la famiglia blucerchiata provo e proverò eterna gratitudine”.