Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, in un'intervista rilasciata ai microfoni della redazione sportiva di Mediaset ha parlato anche del futuro di ​Maurizio Sarri: "La clausola di 8 milioni? Si, esiste, ma spero di toglierla. Vorrei che Sarri restasse ancora con noi, ma non posso obbligarlo. Il 9 febbraio ci incontreremo a Castel Volturno e valuteremo".


Secondo quanto riporta l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport, il Chelsea è concretamente sulle tracce di Sarri, al punto che anche a Castel Volturno c’è chi non nega l’eventualità di vedere il prossimo anno Sarri a Stamford Bridge. Sarri è in posizione di attesa. La migliore, perché gli dà la possibilità di concentrarsi esclusivamente sulla conquista dello scudetto mentre qualche panchina traballerà dopo gli ottavi di Champions. Il tecnico non lesinerà una stilla di energia, ma nel frattempo ascolterà le proposte che gli verranno formulate.


Abramovich non è tipo da badare a spese, specie se si innamora di una idea di calcio. Quella di Sarri ha stregato l’Inghilterra in occasione della doppia sfida Champions con il City.  Sarri piace molto perché, come Conte, non è allenatore-manager, ma uomo di campo. Inoltre, propone un gioco spettacolare seppur con la dovuta attenzione alla fase difensiva.


Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, tuttavia, su Sarri ci sarebbero oltre al Chelsea, anche il PSG e il Milan. I rossoneri seguono da tempo il mister. Fu Arrigo Sacchi a consigliarlo a Silvio Berlusconi, ma poi l'ex premier gli preferì Sinisa Mihajlovic. Sarri ora sembra entrato nelle grazie di Mirabelli e Fassone che starebbero pensando anche al mister toscano per il futuro. I transalpini, invece, hanno Antonio Conte come primo obiettivo per la prossima stagione. L'ex tecnico della Juventus, tuttavia, potrebbe tornare alla guida della Nazionale italiana. E a quel punto la dirigenza del Psg punterebbe in modo forte su Sarri. Il tecnico azzurro, grazie al gioco praticato dal Napoli, hai tanti estimatori anche all'estero. Milan, Psg e Chelsea non avrebbero problemi a pagare la clausola di 8 milioni imposta da De Laurentiis per liberare Maurizio Sarri.