Fiducia nei confronti di Luciano Spalletti e del gruppo Suning, ma anche piena approvazione dei colpi Angel Di Maria e Radja Nainggolan, nomi caldi del mercato delle ultime ore in casa Inter. Questi i principali temi trattati da Massimo Moratti all'esterno degli uffici delle Saras. 



FC Internazionale Milano Shareholders' Meeting

Intercettato dai microfoni di TMW, l'ex patron della società nerazzurra è partito dal tema Fair Play Finanziario centrato da Suning: "Bisogna capire quanto possa essere divertente spendere (ride). In ogni caso da oggi c'è sicuramente quella libertà necessaria per poter prendere dei giocatori utili. L'importante è proprio questo: acquistare degli elementi utili e che vadano bene all'allenatore".


A proposito, Spalletti è l'uomo giusto? "Sicuramente, senza alcun dubbio. Un allenatore da Inter che va benissimo".


Nainggolan, Di Maria e tanti altri nomi importanti accostati: qual è quello che la stuzzica maggiormente? "Dipende dal tipo di gioco che ha intenzione di proporre Spalletti. Sono tutti calciatori molto forti e importanti, al netto del loro valore. Quindi la scelta sarà loro, prenderanno le decisioni del caso con calma. Di sicuro tutti sono interessanti".


Le manca la 'sua' Inter? "Ero abituato a viverla quotidianamente, ma può andare bene anche così: come tifoso".


Ha mai pensato di tornare, magari per ricoprire ruoli differenti rispetto a quello di presidente? "No, non credo proprio".