Fino alle 19.30 di lunedì primo settembre Jack Bonaventura era praticamente un giocatore dell'Inter. Il 25enne era in attesa dell'ok nerazzurro per chiudere una trattativa già definita, ma poi tutto è saltato, causa mancata cessione di Fredy Guarin. In pochissimo tempo, però, ha trovato una nuova destinazione. Sempre Milano, ma con i colori rossoneri. Ha firmato per il Milan, e vai di sfottò dei supporters del Diavolo in direzione degli odiati cugini.


Il ds dell'Inter Piero Ausilio, però, non ci sta, e risponde piccato: "C'erano due calciatori bloccati da tempo - ha detto a Inter Channel-, nel momento in cui Guarin è stato tolto dal mercato noi abbiamo correttamente chiamato l'Atalanta per comunicare che Bonaventura poteva essere l'opportunità per qualcun altro. Forse fino alle 8 e 30 di sera di lunedì, il Milan non sapeva nemmeno che Bonaventura fosse sul mercato".


Insomma, non ci fosse stato l'interesse dell'Inter, Galliani non si sarebbe nemmeno accorto dell'occasione Bonaventura e il grande colpo last minute non ci sarebbe stato. Non ha sopportato, Ausilio, le lodi per il dirigente rossonero, a cui hanno fatto da contraltare le critiche per la chiusura di mercato interista, decisamente sottotono. La domanda che sorge spontanea, ora, è la seguente: la diatriba finirà qui o ci sarà una risposta di Adriano Galliani?