AS Roma v US Sassuolo - Serie A

​Il tema all'ordine del giorno della riunione di ieri in Lega Calcio tra gli allenatori e gli arbitri di Serie A è stato il VAR, vera e propria novità del campionato in corso che ha separato i punti di vista tra i favorevoli alla nuova tecnologia e i nostalgici dei vecchi tempi conditi dall'errore umano.


Nella giornata di ieri, come riportato dall'Ansa, è stato tracciato un bilancio sulla speriemntazione in questa prima parte di stagione: "Le 1.078 verifiche eseguite con la Var in 210 partite, hanno prodotto 60 correzioni delle decisioni arbitrali, di cui 11 errate, incluse 7 che hanno influenzato il risultato. Evidenzia solo un punto percentuale di errore il bilancio della sperimentazione della Video assistenza in Italia, presentato dagli arbitri ad allenatori e stampa. 


Si parla di 5.1 'check' a gara (maggior parte silenti) e tempi di decisione ridotti, dal 1.22" delle prime tre giornate a 29", 9 dei quali necessari al video assistente a individuare le immagini corrette. Le modifiche delle decisioni arbitrali durano in media 1.15" (33" la verifica dell'arbitro davanti al video in campo), contro i 2.35" dei primi tre turni. 


Quest'anno sono aumentati tempo effettivo medio (+40', con 10' di recupero in più), rigori (+5.5%), mentre diminuiscono falli (-8%), ammonizioni -18.8%, simulazioni -23% ed espulsioni, 40 contro 51, zero per proteste".