SSC Napoli v Cagliari Calcio - Serie A

​La sconfitta di domenica, subìta a domicilio per mano del Genoa, è costata cara a Massimo Rastelli.


A spiegarlo è lo stesso Tommaso Giulini, presidente del Cagliari e giustiziere dell'avventura rossoblù del tecnico autore della promozione in Serie A: "Domenica sono andato via alla fine del primo tempo con l’idea di cambiare allenatore - ha ammesso in zona mista davanti ai cronisti presenti -. Ho incontrato Diego lunedì in ufficio, poi ci siamo rivisti ieri sera (martedì, ndr) e oggi siamo qui (mercoledì, ndr). Il presidente di una società di calcio ha il dovere di avere colloqui con più di un tecnico per capire quale sia la soluzione migliore, ma Lopez è stata la nostra prima idea. Io e Rossi riteniamo Diego un allenatore completo. In passato ho provato a convincerlo ad accettare il progetto Olbia, Diego però giustamente aveva altri obiettivi".



US Citta di Palermo v Cagliari Calcio - Serie A

Poi continua a spiegare i motivi del divorzio con Rastelli, a cui si aggiunge un ringraziamento per il lavoro svolto: "Non avrei cambiato idea neanche se la gara col Genoa fosse finita 3-3. Quelli con Rastelli sono stati due anni meravigliosi, insieme abbiamo vissuto tanti momenti meravigliosi. Ringrazio Massimo e il suo staff per quello che hanno fatto qui. Dopo questo filotto di sconfitte ho pensato che questa squadra non sarebbe migliorata ulteriormente con Rastelli. Questo però non cambia il mio pensiero sul mister. In estate avevamo la necessità ampliare le professionalità e competenze dello staff a disposizione dell’allenatore. Forse Rastelli ha subito un po’ queste decisioniLopez ci ha chiesto di lavorare con un suo secondo e un suo collaboratore. Così abbiamo deciso di sollevare dai rispettivi incarichi anche Legrottaglie e Dario Rossi. Nei prossimi giorni Lopez valuterà gli altri membri dello staff, poi vedremo. Io devo pensare dove sarà il Cagliari tra uno-due anni: la scelta di Lopez va in questa direzione. Otto giornate non sono sufficienti per valutare il campionato di Andreolli, Cigarini e Pavoletti. A fine stagione potremo fare una valutazione sulla bontà del mercato estivo. Delusione dei tifosi? Sono il primo tifoso di questa squadra, sono deluso quanto loro. Sono convinto che Lopez sia la soluzione migliore. Abbiamo bisogno del supporto dei tifosi. Quelle con Benevento e Verona saranno due gare decisive per la stagione. Da Diego mi aspetto la salvezza, spero di costruire con lui un programma a lungo termine. Entrambi vogliamo crescere di anno in anno".