Il gol più bello del campionato 2012-2013 di ciascuna squadra della Serie A 2013-2014

Chi non segue il calcio afferma che questo sport consiste in 22 ragazzi in calzoncini che rincorrono un pallone. Coloro che non sono affascinati da questo sport dovrebbero assistere ad una partita di calcio; se vedessero cosa sono capaci di fare quei 22 ragazzi con il pallone cambierebbero idea, forse.


Vi presentiamo il gol più bello della passata stagione che ciascuna squadra di questa Serie A ha realizzato. Se avete un amico che non segue il calcio fategli vedere queste prodezze, ne rimarrà affascinato.

1. Atalanta: Carlos Carmona

E' la decima giornata del campionato di Serie A e l'Atalanta affronta il Napoli di Mazzarri e Cavani. 


La partita, a sorpresa, è vinta dai bergamaschi che battono i partenopei grazie al bellissimo gol di Carlos Carmona. Destro al volo da fuori aerea e De Sanctis può solo raccogliere la palla in fondo alla rete. Prodezza.

2. Bologna: Panagiotis Kone

Il gol più bello del Bologna lo ha siglato il greco Panagiotis Kone. L'anno scorso ci ha abituato solo a gol strepitosi; questo (a mio avviso) è il più bello.


17° giornata di campionato, al San Paolo di Napoli arriva il Bologna che dopo 85 minuti di gioco è sotto 2-1.


Un minuto più tardi Kone si inventa un gol pazzesco: cross dalla destra di Garics, la palla arriva al centro dell'area dove attenderla c'è Kone. Mezza rovesciata e palla all'incrocio. Fenomenale.

3. Cagliari: Victor Ibarbo

Siamo agli sgoccioli della stagione di Serie A. 37° giornata e la Juve campione d'Italia ospita il Cagliari. La formazione bianconera schiera alcune riserve per dar loro la possibilità di mettersi in mostra.


Chi invece ruba la scena è Victor Ibarbo, attaccante della squadra sarda, che prende palla dalla sua aerea, si fa tutto il campo palla al piede, si presenta in area avversaria e batte Storari.


Gol paragonato a quello di Weah contro il Verona a San Siro.


Imprendibile.


4. Catania: Sergio Bernardo Almiron

La squadra etnea ha realizzato il gol più bello del suo campionato nello scontro salvezza della tredicesima giornata che la metteva di fronte al Chievo.


A decidere l'incontro è stato Sergio Almiron, autore di una doppietta che stede i veneti e regala 3 punti importantissimi ai siciliani.


Il secondo gol dell'argentino merita di essere visto più di una volta: prende palla al limite dell'area, entra nei sedici metri avversari dalla sinistra, si accentra e batte il portiere con un tiro a fil di palo.


Preciso.

5. Chievo Verona: Cyril Thereau

7 maggio 2013 e il Chievo affronta all'Olimpico la Roma di Andreazzoli. La partita si appresta a terminare sullo 0-0 quando Drame scappa sulla sinistra e mette la palla in mezzo all'area giallorossa. Thereau con una finta si libera del difensore e al volo deposita in rete.


Vantaggio e gol vittoria per il Chievo di Eugenio Corini. Faccia pietrificata per il mister della squadra di casa.


L'uomo giusto al momento giusto.

6. Fiorentina: Stevan Jovetic

La Fiorentina è all'inseguimento del Milan per il terzo posto, valevole l'ultimo biglietto per la Champions League. La squadra viola si presenta all'Olimpico per affrontare la Lazio.


Dopo venti minuti le cose si mettono subito bene: fraseggio degli esterni di Montella sulla sinistra, passaggio rasoterra verso il centro del campo, velo di Borja Valero e destro millimetrico di Jovetic.


Era la 28° giornata e i punti erano pesantissimi. 


Cecchino.

7. Genoa: Juraj Kucka

La squadra del Grifone affrontava la Roma il 21 dicembre 2012 in casa al Ferraris. Dopo 6 minuti i padroni di casa del Genoa sono già in vantaggio con un gol di Kucka.


In un famoso spot pubblicitario lo slogan era "la potenza è nulla senza il controllo". La pensa così così anche lo slovacco che abbina le due cose e spara la palla dove il portiere non può arrivare.


Fulmineo.

8. Inter: Fredy Guarin

Il colombiano Fredy Guarin è in procinto di lasciare l'Inter per via delle sue ultime prestazioni poco convincenti. C'è da dire che il centrocampista l'anno scorso ha realizzato il gol più bello dell'intero campionato della sua squadra.


Inter-Napoli, stadio San Siro di Milano: calcio d'angolo di Nagatomo che attraversa tutta l'area di rigore, dalle retrovie spunta Guarin che al volo insacca.


Meraviglia.

9. Juventus: Paul Pogba

La Juventus campione d'italia in carica trova la rete più bella del suo passato campionato con Paul Pogba.

Il francese ci ha abituato alle sue prodezze da fuori aerea lo scorso campionato e anche quest'anno si è già ripetuto con un bolide rifilato al Napoli.


L'anno scorso la vittima è stata l'Udinese: palla respinta dalla difesa, controllata dal transalpino e spedita all'incrocio dei pali. Handanovic ha provato il miracolo ma non ha potuto nulla.


CA-PO-LA-VO-RO.

10. Lazio: Eddy Onazi

Ai binacocelesti riesce il colpo gobbo a San Siro contro l'Inter grazie anche alla botta micidiale da fuori aerea di Eddy Onazi.


La Lazio si impone per 3-1 fuori casa. Onazi prende palla, se la sposta sul destro e fa partire un siluro vero e proprio che termina la sua corsa alle spalle del portiere neroazzurro.


Bomba.

11. Livorno: Luca Siligardi

L'anno scorso il Livorno disputava il campionato di Serie B e la promozione nella massima categoria del calcio italiano è arrivata dopo la vittoria nello spareggio con l'Empoli.


Durante il campionato cadetto si è fatto strada e si è fattoconoscere Luca Siligardi che al Padova ha segnato la rete più bella dei toscani.


Azione che si sviluppa sulla sinistra, il pallone arriva a Siligardi dopo che un compagno l'aveva addomesticata di petto, l'attaccante calcia in porta senza pensarci e sigla un gran gol.


Talentuoso.

12. Milan: Stephan El shaarawy

L'anno scorso è stata una stagione piuttosto difficile per il Milan, che comunque si è conclusa con un terzo posto (sudato) e la qualificazione in Champions League.


Di tutti i gol segnati dagli uomini di Massimiliano Allegri, quello di El Sharaawy all'udinese è stato il più bello.


Azione corale e conclusione da fuori aerea dell'italo-egiziano che ha fulminato Handanovic, incolpevole. Boateng salta due uomini, passaggio per Pazzini che appoggia ad El Sharaawy e destro in gol.


Spettacolare.

13. Napoli: Gokhan Inler

Stagione ricca di soddisfazioni per il Napoli di Mazzarri che ha lottato fino alla fine per lo scudetto contro la Juventus. per tenere il passo della formazione di Antonio Conte son servite prestazioni di altissimo livello condite da gol importanti.


Il migliore è quello di Inler che va via a più uomini del Palermo e con il sinistro (lui non è mancino, tengo a precisare) infila il portiere avversario.


Chirurgico.

14. Parma: Amauri

Il giorno della panchina numero 200 in serie A per Roberto Donadoni il regalo arriva dal suo attaccante Amauri che con uno splendido gesto tecnico batte Pellizzoli per il 3-0 del Parma sul Pescara.


Palla scodellata in area per il bomber che invece di stopparla, la alza con il petto e in rovesciata segna un gol formidabile, 


Acrobatico.

15. Roma: Daniel Pablo Osvaldo

In questo periodo che precede il mercato invernale il nome di Daniel Pablo Osvaldo è sempre più vicino all'Inter di Thohir. 

A volerlo è anche il tecnico Mazzarri che magari si ricorda di questo suo gol e spera che all'Inter possa ripetersi.


Roma-Catania, con i giallorossi sotto di un gol; Pijanic recupera il pallone e lo scodella all'interno dell'area scavalcando la difesa avversaria; Osvaldo si coordina e in semi-rovesciata segna il gol del pareggio.


Fuoriclasse.

16. Sampdoria: Enzo Maresca

Altro gol in rovesciata in questa classifica e a segnarlo è Enzo Maresca della Sampdoria. L'ex Juve regala il pareggio contro l'Atalanta alla squadra blucerchiata con una rovesciata che sorprende Consigli.


L'azione si sviluppa da calcio d'angolo e dopo una serie di batti e ribatti e il centrocampista doriano a risolvere la situazione in maniera spettacolare.


Il gol che non ti aspetti.

17. Sassuolo: Domenico berardi

Il Sassuolo dopo un avvio choc al debutto in Serie A si è ripreso e sta ritrovando il gioco che lo ha portato a vincere il campionato cadetto e a conquistare la promozione.


In Serie A sta emergendo il talento di Domenico Berardi che l'anno scorso faceva parte del tridente neroverde capace di regalare spettacolo e gol ai propri tifosi.


Nel match tra le due capoliste del momento, il Sassuolo batte il Novara grazie ad una punizione al bacio di berardi.


Sublime.

18. Torino: Alessio Cerci

Alessio Cerci è ormai una certezza del nostro campionato e della Nazionale italiana. Passato dalla Roma la Torino ha subito conquistato il popolo granata e la fascia di capitano della squadra-


La sua grinta e il suo alto spessore tecnico lo portano a compiere gesti da giocatore navigato. Dotato di un sinistro d'oro, l'anno scorso ha segnato il gol più bello del Toro alla Fiorentina, al Franchi.


Savic perde palla e la regala a Cerci che non ci pensa due volte e scarica in porta il pallone di sinistro. Nulla da fare per Viviano.


Sicurezza.

19. Udinese: Antonio Di Natale

Il capitano storico dell'Udinese Antonio Di Natale non poteva non entrare in questa classifica. Il suo gol al Chievo è in lizza per vincere il premio Puskas (premio per il gol più bello dell'anno solare).


Cross dalla destra di Pereira e tiro al volo di Di Natale dal lato opposto. Tiro ad incrociare. Ma a rendere speciale il gol è la posizione di Di Natale che si trova defilatissimo.


Una bellezza.

20. Hellas Verona: Emil Halfredsson

Altra neopromossa in Serie A è l'Hellas Verona che sin dall'inizio di questa stagione ha sorpreso tutti con un avvio davvero impressionante. 


La squadra più blasonata di Verona ha terminato il campionato cadetto al secondo posto regalando gol di rara bellezza ai tifosi.


Il più bello è quello siglato dallo svedese Halfredsson che con un sinistro infila il portiere dell'Ascoli. 


Decisivo.

ARTICOLI TOP

ARTICOLI TOP

CALCIOMERCATO LIVE | Le trattative dell'ultimo giorno aggiornate in tempo reale
Il tabellone definitivo del calciomercato 2015 e le pagelle alle 20 di Serie A
UFFICIALE: Hernanes alla Juventus
Beffa Juventus, Draxler va al Wolfsburg. Bianconeri a tutta su Lamela
Juventus e Pogba, doppio no ai 100 milioni del Chelsea: i bianconeri ripartono dal francese